Caso Salis: chi è Manuel Jacoangeli, l’ambasciatore italiano a Budapest

Matteo Innocenti
31/01/2024

La Farnesina è molto irritata per il suo operato. 63 anni e una lunga carriera alle spalle spesa tra Roma, Lubiana e Bruxelles, ricopre l'incarico dal 2021. Prima di trasferirsi in Ungheria è stato consigliere diplomatico dell’allora ministra dell’Istruzione Fedeli e poi dei ministri della Salute Grillo e Speranza.

Caso Salis: chi è Manuel Jacoangeli, l’ambasciatore italiano a Budapest

In Italia sta tenendo banco il caso di Ilaria Salis, detenuta in Ungheria con l’accusa di aggressione a due neonazisti: le immagini della sua comparizione in tribunale con le mani ammanettate e i piedi legati hanno suscitato indignazione nell’opinione pubblica. Giorgia Meloni ha già avuto una conversazione telefonica con l’omologo magiaro Viktor Orban per chiedere spiegazioni su quello che, di fatto, è un incidente diplomatico. E la Farnesina ha convocato l’ambasciatore ungherese. Di sicuro, ciò che è successo è stato anche frutto di ritardi e sottovalutazione, visto che Salis è in carcere da un anno, in condizioni disumane e di degrado, cosa già emersa. Per questo, nel “mirino” del Governo Meloni è finito l’ambasciatore italiano a Budapest, Manuel Jacoangeli, che ricopre l’incarico dal 14 giugno 2021, accusato dal padre di Salis di sapere cosa stessa facendo la figlia, avendo già assistito a delle udienze precedenti, senza aver fatto o detto nulla.

Caso Ilaria Salis: chi è Manuel Jacoangeli, l’ambasciatore italiano a Budapest il cui operato ha irritato la Farnesina.
Ilaria Salis in aula in Ungheria (Ansa).

Jacoangeli ha iniziato la carriera diplomatica alla fine degli Anni 80

Nato a Lisbona il 4 settembre 1960, Jacoangeli ha iniziato la carriera diplomatica alla fine degli Anni 80. Nominato nel 1991 capo della segreteria tecnica del Ministero del Commercio con l’Estero, dal 1993 al 1996 è stato primo segretario alla Rappresentanza italiana nell’Unione europea a Bruxelles, dove ha seguito prima il processo di allargamento dell’Ue da 12 a 15 Paesi membri, poi Cultura e Ricerca ed infine i rapporti con i Paesi del Mediterraneo. Dopo un periodo a Lubiana, in Slovenia, come primo segretario e poi consigliere commerciale, Jacoangeli è rientrato a Roma nel 2000, per prestare servizio all’Ufficio Balcani della Direzione Generale per i Paesi dell’Europa. Nominato nel 2002 capo ufficio al servizio stampa e Informazione della Farnesina, tre anni dopo è tornato a Bruxelles come capo ufficio stampa della rappresentanza italiana all’Unione Europea.

Prima dell’Ungheria gli incarichi di consigliere diplomatico ministeriale 

Tornato nel 2008 alla Farnesina come vice capo del servizio stampa e informazione, in seguito è stato scelto come consigliere diplomatico del ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Da settembre 2012 a settembre 2016 è stato poi rappresentante permanente d’Italia al Consiglio d’Europa con rango di ambasciatore. A giugno del 2017 è diventato consigliere diplomatico della ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli. A settembre 2018 è stato nominato consigliere diplomatico del ministro della Salute, Giulia Grillo, mantenendo poi lo stesso incarico con il successore Roberto Speranza, per poi trasferirsi dopo due anni a Budapest.

Caso Ilaria Salis: chi è Manuel Jacoangeli, l’ambasciatore italiano a Budapest il cui operato ha irritato la Farnesina.
Manuel Jacoangeli (Ministero degli Affari Esteri).