I titolari di negozi di cannabis light contro la crociata di Salvini

I titolari di negozi di cannabis light contro la crociata di Salvini

Sono favorevoli ai controlli, perché chi sgarra danneggia tutto il settore. Ma non ci stanno a essere accusati di spaccio. Quattro realtà di Roma rispondono al ministro dell'Interno. 

10 Maggio 2019 04.00

Like me!

«Quella di Salvini è solo propaganda, la cannabis light depotenziata è legale». Ezechiele Onis titolare di City Weed a Roma commenta così la crociata del ministro dell'Interno contro gli store e le fiere dedicati alla canapa.

«Sicuramente fare controlli maggiori è necessario anche perché è un mercato nato da poco. E c’è un vuoto legislativo», aggiunge Onis, «ma dire che la cannabis light è uguale alla droga è una bugia». City Weeds è uno dei 2 mila negozi che vendono fiori di canapa con una percentuale di Thc entro i limiti dello 0,6% nati in Italia da quando EasyJoint ha aperto la strada. Un totale di 10 mila punti vendita se si considerano anche i tabaccai. «Non si tratta solo di cannabis da fumare», continua Onis. «È un movimento che si sta formando per promuovere la pianta della canapa e gli usi che se ne possono fare. Per esempio il cbd che è il principio che si trova nei prodotti di cannabis light è un prodotto che ha moltissime proprietà terapeutiche. Io vendo l’olio di cbd e la cannabis light ai medici del Bambin Gesù».

LEGGI ANCHE: Con la cannabis light le mafie hanno perso fino a 170 milioni l'anno

Il ministro dell'Interno ha dichiarato guerra non solo ai negozi, ma anche alle Fiere del settore. «C’è un’ignoranza profonda e secondo me è solo propaganda per accaparrarsi tre voti in più», taglia corto Onis. Poi «che sia necessaria una regolamentazione maggiore è vero, c’è molta confusione, non è neanche definitivo il livello di thc consentito. Chi dice 0,2 chi dice 0,6. Ma sostenere che un negozio su due spaccia è un insulto».

GIUSTI I CONTROLLI: CHI SGARRA DANNEGGIA L'INTERO SETTORE

Alessio Amigone è titolare di Canapando, quattro negozi nella Capitale e altri quattro nel resto d'Italia. «Noi siamo tranquilli, a gennaio abbiamo avuto i controlli di Asl, polizia giudiziaria, polizia amministrativa, agenzia delle dogane e siamo usciti puliti», dice. Il problema, aggiunge, è che Salvini «paragona la marijuana e addirittura la cannabis light alle droghe pesanti come eroina, cocaina ed exctasy mentre l'Oms lo scorso febbraio ha chiesto all’Onu di togliere anche la marijuana dalla lista delle sostanze più pericolose». Per dire, «è più tossico il tonno per via del mercurio…».

LEGGI ANCHE: Quanto vale il mercato della cannabis light e della canapa in Italia

Anche Amigone non ha dubbi: «Penso che sia solo campagna elettorale, mi rifiuto di pensare che il ministro dell’Interno sia così ignorante da paragonare cannabis light e marijuana alle droghe pesanti. Ma se lo è allora non può parlare del tema». Questo non significa "liberi tutti". «Certo se uno apre un cannabis shop e vende una sostanza stupefacente che supera i limiti di thc definiti dalla legge è giusto che chiuda, tra l'altro danneggia tutti gli altri. Noi facciamo uno sforzo soprattutto per informare le persone». Il titolare di Canapando smentisce anche il luogo comune secondo cui chi comincia con la cannabis light poi passa a quella più forte: «Il cliente dei cannabis store va dai 35 ai 70 anni, è un mercato completamente diverso».

LEGGI ANCHE: Uso e proprietà della canapa sativa in cucina

Giovanni Bianco, procuratore di Canapa srl che detiene la proprietà del marchio Cannabis Store Amsterdam, 600 dipendenti e 100 negozi in Italia più altri 94 in Europa in soli due anni, è dello stesso avviso dei colleghi. Considera la chiusura annunciata da Salvini una mossa sbagliata «anche perché l’Europa ci dà dei fondi per coltivare canapa». È giusto, invece, effettuare controlli perché «nel settore può esserci illegalità». «Abbiamo sottratto l’8% di mercato alla droga», continua Bianco, «paghiamo le tasse, l’Iva sui fiori normalmente sarebbe al 10%, ma siccome quelli di canapa sono considerati souvernir l'aliquota è al 22%. Stiamo parlando di un giro di affari di 30/40 milioni di euro». Nei loro punti vendita si può trovare di tutto, dall'abbigliamento ai lecca lecca: «Il principio della cannabis light è solo benefico, non ha alcun effetto psicotropo».

LEGGI ANCHE: Il nuovo scontro M5s e Lega parte dalla cannabis legale

«SIAMO IN ITALIA, RESTIAMO CON UNA MENTALITÀ CHIUSA»

«Che devo dire? Siamo in Italia, mentre il mondo va da una parte noi restiamo con una mentalità chiusa», allarga le braccia Alessio Schiavoni, proprietario di Sana Pianta. «Per anni ci hanno detto che la cannabis è droga e nel cervello è rimasta quest’idea». Schiavoni ricorda che la legge tutela per la produzione e la commercializzazione «ma c'è un vuoto normativo sulle infiorescenze», cioè non viene specificato cosa si si debba fare. «È grazie a questo vuoto che siamo aperti. Non è scritto che è illegale vendere i fiori noi li vendiamo».

LEGGI ANCHE: La video inchiesta sulla coltivazione della canapa legale in Italia

«Io e mio fratello», ricorda il titolare di Sana Pianta, «abbiamo aperto il negozio, pur avendo altri lavori, come investimento proprio perché dopo tanti anni si cominciava di nuovo a parlare di canapa. Il nostro scopo non è quello di vendere erba ma fare informazione sulle proprietà di questa pianta. Fumarla è l’uso più stupido, ci si potrebbe fare la plastica, la carta, i vestiti. Noi vendiamo anche biscotti, pasta, birra. Abbiamo anche un gruppo di produttori specializzati nei matrimoni, c’è chi si fa il vestito da sposa interamente di canapa. Non solo: la canapa potrebbe essere utilizzata per bonificare terreni inquinati perché è una spugna. Certo se Salvini vuole colpire chi ha un doppio mercato e vende anche marijuana illegale allora ha senso, anche perché questi danneggiano noi che magari perdiamo un’ora a spiegare alla signora anziana che non è che si fuma e basta, ma ci si può fare anche una buona pasta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *