Che goduria vedere la stampa di destra affondare Salvini

I giornali di area e gli urlatori predicono sfracelli dopo la fine del governo gialloverde. Evocando però l'idea che il leader leghista abbia commesso una sciocchezza. Finché ciò accadrà l'esecutivo Pd-M5s godrà di buona salute.

06 Settembre 2019 09.36
Like me!

Che bello al mattino svegliarsi presto e leggere i giornali di destra. È tutta una successione di titoli sanguinanti, che predicono sfracelli, che mettono nel mucchio comunisti (cazzo, ci sono ancora?) e vescovi, che vedono “poltrinisti” dopo la scomparsa degli immacolati leghisti, che già scorgono la marea nera (di pelle) che dalle spiagge siciliane porterà nel Paese etnie che soppianteranno quella padana, che non si rassegnano al fatto che la Madonna abbia voltato le spalle al loro leader e che papa Francesco sia ancora lì malgrado Antonio Socci.

GUARDA ANCHE: Matteo Salvini, un’opposizione fatta di «poltrone»

UN BOOMERANG PER MATTEO SALVINI

Una vera goduria. A Roma si dice: «Nun ce vonno sta?». Mi dispiace per i cerchiobottisti, per quelli di Repubblica e dell’Huffington Post che si stanno perdendo lo spettacolo. Ma la goduria più goduriosa è un’altra. Tutti questi titoli, tutte queste imprecazioni, insulti, parolacce, tutti questi presagi di sventura lasciano intravvedere un’altra botta per quel genio di Matteo Salvini. Già oggi su Libero si svolge una singolare polemica fra il direttorissimo Vittorio Feltri e un capogruppo leghista che l’aveva accusato di aver sobillato Salvini spingendolo a rompere con i 5 stelle. Feltrini nega, ma nega l’evidenza, e pubblica un proprio precedente editoriale in cui aveva previsto l’alleanza Pd/5 stelle. Meglio del mago Otelma. La cosa più buffa è che ogni parola di questa polemica e ogni paura che la successione di titoli vuole evocare rimanda al tema principale: ma Salvini è stato un cretino?

LEGGI ANCHE: Il governo Conte bis visto dall’estero

LO SCHETTINO DELLA DESTRA

Temo che la stampa di destra suggerisca questa ipotesi mentre il sottoscritto sostiene più pacatamente che siamo di fronte a un uomo “malato”. Se avverranno tutti questi drammi, se soprattutto le poltrone future (chi dice 150, chi 400) segneranno la messa fuori gioco del mondo leghista, nuovo o in avvicinamento, può Salvini restare il “Capitano” di questa combriccola di delusi fortemente incazzati? Salvini è lo Schettino della destra. Aveva una nave che portava per i mari a mostrare se stessa e le bellezze della costa e lui l’ha affondata.

LEGGI ANCHE: Il Pd salverà il governo, ma chi salverà il Pd?

CARI NEMICI 5 STELLE, LA GUERRA HA STANCATO

Sono convinto che il nuovo governo (a cui auguro di volare basso sempre leninisticamente facendo «meglio meno ma meglio») finché la tivù e la stampa saranno nelle mani di questi facinorosi di destra godrà di buona salute. Gli elettori incazzati forse cercheranno altri leader ancora più a destra o si rifugeranno in una destra aggressiva ma lontana dalla guerra civile, che da questi urlatori prenderà le distanze. A sinistra, e se posso permettermi, anche ai cari nemici dei 5 stelle, conviene non partecipare a questa grande rissa. Si sputtanano da soli.

LEGGI ANCHE: Otto considerazioni sul governo Conte bis

Il tema di oggi è dare agli italiani certezze e serenità. Alla guerra abbiamo giocato fin troppo. Qualcuno lo dovrà spiegare anche a Mario Giordano un tempo autore di pensosi articoli conservatori che oggi crede di essere il nuovo Funari dimenticando che Funari, nel suo genere, aveva classe televisiva da vendere e che i suoi improperi non spingevano alla guerra civile ma al controllo sul potere, esattamente quello che Giordano ha sempre difeso da Silvio Berlusconi a Salvini (a proposito com’era la storia della nipote di Mubarak?).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 2

  1. perchè non ci fa un favore? Ossia: ricerca e pubblica tutti i suoi articoli – da un paio d’anni a questa parte – inerenti il mov 5stelle. Poi, dopo averli letti, si guarda allo specchio e si sputa in faccia fino all’annegamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *