Chi è Alessandro Quarta, ospite della serata duetti a Sanremo 2019

Chi è Alessandro Quarta, ospite della serata duetti a Sanremo 2019

08 Febbraio 2019 19.18
Like me!

Il Volo quest’anno è tornato a calcare il palco dell’Ariston, dopo aver vinto il Festival nel 2015 con il brano Grande Amore. Quest'anno si esibiscono con la canzone La musica che resta. Ad accompagnare il trio, nella serata dei duetti, è il violinista Alessandro Quarta: ecco un breve articolo che racconta chi è, la sua biografia, la vita privata e le altre curiosità.

LA BIOGRAFIA DEL VIOLINISTA ALESSANDRO QUARTA

Quarta si è diplomato al Berkley Lee College of music e ha studiato con maestri del violino dal calibro di Salvatore Accardo e Pavel Vernikov per poi passare dalla tradizione classica alle sperimentaizoni nel blues nel soul e nel pop, collaborando con stelle della musica mondiale come Aretha Frankilin e Jamiroquai. Nel mondo lo chiamano musical genius, paradossalmente in Italia è poco conosciuto. Al Festival di Sanremo 2019 accompagna il Volo nella canzone La musica che resta.

LE COLLABORAZIONI ITALIANE DA LUCIO DALLA ALLA TELEVISIONE

Eppure fine da giovanissimo, dai 23 ai 29 anni, ha collaborato a dischi di artisti italiani che hanno fatto la storia della musica come Lucio Dalla e ultimamente ha accompagnato anche gli spettacoli di Roberto Bolle. Non solo, ma la televisione si era accorta del suo incredibile talneto e infatti Quarta aveva partecipato a quasi tutti i varietà – da quelli di Gianni Morandi ad Adriano Celentano, dai programmi di Fiorello a quelli di Panariello – che prevedevano la presenza di un primo violino solista. veste di primo violino e solista. Il suo primo album ha debuttato all'anfiteatro romano di Lecce e alla Run Tune Up Marathon di Bologna. Il primo maggio del 2015 ha aperto il concertone di Piazza San Giovanni.

LA CARTA D'IDENTITÀ DI ALESSANDRO QUARTA

Alessandro Quarta è nato nel 1976 e nel 1994 ha vinto il premio Siae come miglior talento italiano dell'anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *