Sara Pedri, oggi il compleanno. La sorella: «Difficile sia rimasto qualcosa di lei»

Alberto Muraro
23/06/2023

Si pensa che il corpo della donna possa essere stato inghiottito dalle acque del lago di Santa Giustina.

Sara Pedri, oggi il compleanno. La sorella:  «Difficile sia rimasto qualcosa di lei»

Sono due anni che della ginecologa forlivese Sara Pedri si sono perse le tracce. Quest’oggi, venerdì 23 giugno, la donna avrebbe compiuto 34 anni: ecco il toccante messaggio che la madre le ha voluto dedicare e le disperate parole della sorella.

Sara Pedri scomparsa, parla la sorella: «Difficile sia rimasto qualcosa di lei»

Le ricerche della donna non si sono mai fermate, e mai si fermeranno. La famiglia spera con tutto il cuore che, prima o poi, si possa trovare il corpo della donna, scomparsa il 4 marzo del 2021 dopo essere stata vittima di presunto mobbing nella struttura dove lavorava, l’ospedale Santa Chiara.

Sono due anni che gli inquirenti stanno concentrando la loro attenzione sul lago di Santa Giustina, con la speranza di poter ritrovare i resti della donna. I familiari, ad ogni modo, sembrano essersi ormai arresi alla possibilità che Pedri sia morta. La sorella della donna, Emanuela, a proposito ha dichiarato sconsolata in una recente intervista al Corriere della Sera: «Stiamo continuando a cercarla anche se siamo consapevoli che dopo due anni è difficile che di Sara sia rimasto qualcosa. Il lago di Santa Giustina, il principale sito in cui le ricerche sono localizzate, è continuamente sotto i riflettori».

Inoltre, ieri su Facebook Emanuela Pedri ha anche scritto: «Buon Giovedì a tutti! Vi anticipo con piacere che domani, 23 giugno, Sara compierà 34 anni! Sono 31 anni di vita terrena, di forte presenza fisica, perchè Sara amava il contatto fisico, le attenzioni e le coccole. Una presenza costante vissuta negli ultimi 10 anni tra una distanza e l’altra attraverso foto, video, messaggi, telefonate, vocali, perchè lei non mancava mai di raccontarsi esternando tutte le sue emozioni, belle e brutte. Sono 3 anni di vita “ultraterrena” in cui la sua dolorosa assenza è diventata una presenza infinitamente più grande. L”abbiamo cercata tanto fisicamente senza mai trovarla, ma poi abbiamo scoperto che era semplicemente nella stanza accanto, bastava solo aprire la porta e guardare meglio».

Le parole della madre

Molto emozionante anche il ricordo della madre della donna, Mirella Santoni, che su Facebook ha condiviso una lunga lettera dedicata alla figlia. Qui un estratto delle sue parole: «Sara, anima libera, leggera e luminosa, è la terza ricorrenza del tuo silenzio, quel silenzio che ti ha portata verso la libertà vera, volando tra le nuvole immersa in una luce diversa dove tutto è possibile, dove anch’io vorrei raggiungerti per liberarmi di questo macigno che grava senza interruzione sulla mia esistenza. Questa mia esistenza vissuta tra due luoghi del cuore e del ricordo… la tua stanza, dove entro in punta di piedi per avvertire l’odore di te che è ancora e sempre inconfondibile e che temo possa svanire; così apro poco la finestra e sono gelosa che qualcuno possa aspirare il tuo profumo e portarmelo via».