Sciopero dei treni, fermi Trenitalia e Trenord: orari garantiti e motivi della protesta

Redazione
12/02/2024

Lo stop durerà dalle ore 9 alle 17. Frecce e Intercity circoleranno regolarmente. Previsti possibili ritardi e cancellazioni per i regionali.

Sciopero dei treni, fermi Trenitalia e Trenord: orari garantiti e motivi della protesta

Dalle 9 alle 17 di lunedì 12 febbraio è previsto uno sciopero nazionale dei treni, indetto dai sindacati di base Cub e Usb, che riguarda tutti i lavoratori del Gruppo FsTrenitalia, Italo Trenord. Previsti possibili ritardi e cancellazioni per i treni regionali, mentre per i treni a lunga percorrenza i disagi dovrebbero essere contenuti.

I treni e le fasce garantite

Dovrà essere assicurata la circolazione dei mezzi nelle fasce di garanzia delle 7-10 e 18-21. Trenitalia ha fatto sapere che Frecciarossa e Intercity dovrebbero viaggiare regolarmente. Sul sito di Trenitalia e su quello di Italo è possibile consultare l’elenco dei treni garantiti. Lo sciopero di lunedì riguarda anche il personale di Trenord in Lombardia. Come indicato sul sito della società ferroviaria, il servizio regionale, suburbano, la lunga percorrenza e il servizio aeroportuale potranno subire variazioni e cancellazioni.

I motivi dello sciopero dei ferrovieri

Come spiegano le sigle sindacali Cub e Usb lavoro privato insieme all’Assemblea Nazionale PdM/PdB, lo sciopero è stato indetto per protestare «contro la mancata risposta della dirigenza Rfi per quanto riguarda il rinnovo contrattuale di tutti i ferrovieri». Lo scorso 10 gennaio alcune sigle sindacali hanno firmato un accordo con Trenitalia per il rinnovo del contratto di settore, ma Usb e Cub parlano di «colpo di spugna», accusando le organizzazione di aver «smantellato fondamentali pilastri contrattuali a tutela dei lavoratori, sia da un punto di vista salariale che dal punto di vista salute e sicurezza sul lavoro».