Le scuole private sotto la lente del ministero dell’Istruzione: controlli per evitare i diplomi facili

Redazione
23/01/2024

Le paritarie hanno fatto registrare un calo di studenti alle primarie e all'infanzia, mentre aumentano quelli per le superiori, soprattutto all'ultimo anno. Già dalla scorsa estate sono partiti i controlli e le ispezioni per evitare un accesso troppo facile al diploma.

Le scuole private sotto la lente del ministero dell’Istruzione: controlli per evitare i diplomi facili

Gennaio è il mese delle iscrizioni per le scuole di tutta Italia e il ministero dell’Istruzione sta osservando i numeri della precedente tornata per capire come e dove intervenire. Già da agosto gli uffici scolastici regionali hanno ricevuto l’incarico di intensificare le visite e le ispezioni negli istituti privati che hanno presentato dati anomali sul numero di diplomi. Questo è ciò che il ministero vuole combattere, secondo Repubblica: l’accesso troppo semplice al diploma. Tanto che alcuni istituti sarebbero già a rischio di chiusura di diverse classi o addirittura di revoca della parità scolastica. Ma intanto sono calati gli iscritti nelle paritarie, per le primarie e l’infanzia, mentre aumentano alle superiori e per il quinto anno.

Crollano le iscrizioni nelle paritarie per l’infanzia e la primaria

I dati pubblicati dal ministero dell’Istruzione parlano infatti di una netta diminuzione di bambini e studenti iscritti in tutti gli ordini scolastici. Nell’anno 2022/2023 ne sono stati censiti 793.660, più di 200 mila in meno rispetto a qualche anno fa, quando si aggiravano intorno al milione. La diminuzione sarebbe dovuta da una parte al calo demografico che ha colpito tutti gli istituti italiani, anche le scuole statali. Dall’altro, però, inciderebbero ragioni economiche, poiché le paritarie richiedono una retta non indifferente per le famiglie italiane. Si parla dell’11 per cento in meno di alunni tra la scuola d’infanzia e la primaria. Nelle statali, nella stessa fascia d’età, il calo è stato dell’otto per cento.

Le scuole private sotto la lente del ministero dell'Istruzione controlli per evitare i diplomi facili
Il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara (Imagoeconomica).

Aumentano le iscrizioni nelle scuole superiori

Al contrario, le paritarie hanno fatto registrare un aumento nelle scuole superiori. Da 104 mila studenti nell’anno scolastico 2017/2018 si è arrivati a superare la soglia dei 131 mila, con un aumento del 27 per cento. E per il solo quinto anno l’incremento ha toccato addirittura il 39 per cento. Per il ministero questa statistica significa che il passaggio all’ultimo anno di corso viene utilizzato come una sorta di traghettamento verso il diploma, con molti a cambiare proprio tra il quarto e il quinto. Inoltre, gli studenti over 18 sono circa il 60 per cento dell’intera quota di iscritti.