La Sea Eye ha salvato 64 migranti al largo della Libia

La Sea Eye ha salvato 64 migranti al largo della Libia

03 Aprile 2019 14.14
Like me!

La nave "Alan Kurdi" della Ong tedesca Sea Eye ha soccorso al largo della Libia 64 migranti che si trovavano a bordo di un gommone. «Sono tutti in salvo sulla nostra nave», ha scritto su Twitter l'organizzazione umanitaria, «ora Italia e Malta assegnino un porto sicuro di sbarco». Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha risposto così: «Nave battente bandiera tedesca, Ong tedesca, armatore tedesco e capitano di Amburgo. È intervenuta in acque libiche e chiede un porto sicuro. Bene, vada ad Amburgo».

LA CHIAMATA AD ALARM PHONE

L'allerta è scattata nella mattinata del 3 aprile su segnalazione di Alarm Phone, il servizio telefonico che fornisce ai migranti un numero da chiamare in caso di difficoltà e che aveva ricevuto una telefonata dall'imbarcazione. Il gommone si trovava al largo della Libia, più precisamente della città di Zuwarah, e a bordo c'erano anche 10 donne, cinque bambini e un neonato. Ancora nessuna notizia, invece, dell'altro gommone con a bordo 50 persone e scomparso nella serata del primo aprile.

NESSUNA RISPOSTA DALLA GUARDIA COSTIERA LIBICA

«La nave "Alan Kurdi" ha svolto con successo l'operazione di soccorso salvando 64 persone», ha scritto su Twitter Alarm Phone, «questo caso dimostra l'importanza dell'intervento civile» al largo della Libia. Dopo la prima chiamata, il servizio telefonico ha detto di aver ricevuto una seconda telefonata dall'imbarcazione nella quale i migranti dicevano di aver bisogno di cure mediche. «Abbiamo ricevuto la loro posizione Gps», ha spiegato Alarm Phone, denunciando che le autorità contattate sarebbero risultate irraggiungibili. Le indicazioni sulla posizione del gommone sarebbero state inviate via mail sia alla Guardia costiera libica, sia alla "Alan Kurdi", che si trovava già in zona alla ricerca del barcone scomparso il primo aprile. La nave della Sea Watch ha quindi intercettato i 64 migranti e ha portato a termine l'operazione di soccorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *