Casal di Principe, sequestrate due ville al killer dei Casalesi

Redazione
15/11/2023

Il valore degli immobili è di circa 450 mila euro. In una delle due case potrà continuare a vivere la moglie, i figli e i suoceri del malavitoso, in attesa della decisione definitiva.

Casal di Principe, sequestrate due ville al killer dei Casalesi

Vasche idromassaggio, camini e altri spazi in marmo, mobili di pregio. Vivevano nel lusso fuori le righe tipico dei boss di camorra i familiari di Giuseppe Setola, killer dei Casalesi, che hanno subìto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca della villa da 400 metri quadrati, protetta da alte mura e situata in centro a Casal di Principe (Caserta). Per ora la moglie, i figli e i suoceri di Setola continueranno a risiedervi, ma se dovesse arrivare la confisca definitiva verranno probabilmente mandati via.

Sequestrata anche una seconda villa dei familiari del boss

Accanto all’immobile dove vivono i parenti del boss, c’è una seconda villa di 120 metri quadrati finita sotto sequestro perché sempre riconducibile a Setola, disabitata e risultata realizzata, sulla base anche di analisi di immagini satellitari, in nove mesi nel 2008, proprio l’anno in cui Setola e i suoi killer scatenarono il terrore nel Casertano uccidendo 18 persone tra parenti di collaboratori di giustizia, imprenditori che si erano rifiutati di pagare il pizzo e i sei immigrati ghanesi vittime della cosiddetta strage di San Gennaro. Il valore degli immobili “sfuggiti” alla confisca del 2004, che aveva interessato una buona parte del patrimonio di Setola, ammonta a circa 450 mila euro.