Sequestrato arsenale di botti nel Comasco

redazione
19/12/2023

L'uomo è stato denunciato per detenzione di materiale esplodente senza autorizzazione, per aver fabbricato e venduto illecitamente prodotti pericolosi senza licenza.

Sequestrato arsenale di botti nel Comasco

I militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Erba (Como) hanno sequestrato oltre 2000 fuochi d’artificio pericolosi, parte dei quali fabbricati clandestinamente, del peso complessivo di circa 100 chilogrammi. L’intervento ha riguardato un negozio ma i botti erano custoditi anche al piano superiore nella casa del titolare. I finanzieri si sono trovati di fronte a un piccolo laboratorio per il confezionamento di ordigni pirotecnici, oltre a prodotti già confezionati artigianalmente. È stato trovato materiale esplodente, fuochi d’artificio di categorie vendibili solo licenza, ordigni artigianali, oltre a 50 metri di miccia, fonti d’innesco e materiale per la fabbricazione.

Denunciato per detenzione di materiale esplodente senza autorizzazione

Il sospetto è che i fuochi di potenza maggiorata fossero destinati a clienti fidelizzati. Tra gli articoli pericolosi petardi, bombe carta, batterie di fuochi d’artificio, bengala e fontane con base per un valore di circa 6000 euro; sono stati sequestrati anche due “mortai” in metallo, con cinque unità di lancio ciascuno. L’uomo è stato denunciato per detenzione di materiale esplodente senza autorizzazione, per aver fabbricato e venduto illecitamente prodotti pericolosi senza licenza, e per aver custodito materiale esplodente e ordigni artigianali nell’abitazione senza cautele, in un locale contenente materiale infiammabile (solventi, vernici, legno, cartone), privo di strumenti antincendio.