Problemi di salute per Marchionne: operato in Svizzera

Problemi di salute per Marchionne: operato in Svizzera

05 Luglio 2018 11.10
Like me!

Dove è finito Sergio Marchionne? L'amministratore delegato di Fiat Chrysler sembra essere sparito dai radar. L'ultima sua uscita pubblica è datata 26 giugno 2018 a Roma durante la cerimonia di consegna all’Arma dei carabinieri «in comodato d’uso» di una Wrangler, Jeep storica attrezzata per essere utilizzata sulla sabbia. Non è un caso, dunque, che Fca si stia già premunendo per il futuro.

In quell'occasione ai presenti il manager è apparso molto affaticato nei movimenti e nell'eloquio. Dopo questo evento – in cui Marchionne ha fatto discutere per aver apertamente appoggiato la politica dei dazi di Donald Trump sulle auto – non ci sono state più sue notizie. Secondo indiscrezioni ora si trova in una clinica in Svizzera, dove si è sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Un portavoce di Fca, interpellato in merito, ha precisato che Marchionne si è operato alla spalla destra ed è ora in fase di recupero. È previsto un breve periodo di convalescenza.

Marchionne ha annullato tutti gli incontri di Fiat Chrysler

Non è un caso, quindi, se venerdì 29 giugno è stata disdetta all'ultimo minuto la riunione organizzata a Torino sulla Jeep per cui erano stati invitati molti manager dagli Stati uniti e dall'Asia. Il capo del Lingotto era atteso il 6 luglio anche ad Atessa, in provincia di Chieti, alla Sevel, joint-venture tra Fca e il gruppo francese Psa. Anche questo appuntamento però è stato annullato all'ultimo secondo e senza spiegazioni.

La notizia potrebbe nei fatti accelerare i lavori in corso per la successione di Marchionne, il cui incarico di amministratore delegato di Fiat Chrysler si conclude nell'aprile 2019. Proprio sul futuro di Fca è in corso da mesi un braccio di ferro tra l'attuale ad e John Elkann, presidente e maggiore azionista di Fca: il primo vorrebbe dare continuità al suo mandato, scegliendo il futuro amministratore delegato tra i suoi fedelissimi, il secondo sarebbe più propenso a vendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *