Sergio Mattarella in Uzbekistan: «Hamas non rappresenta i palestinesi»

Redazione
10/11/2023

Il capo dello Stato ha incontrato il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev. Prima dei colloqui, ha deposto una corona di fiori al monumento dell'Indipendenza a Tashkent. Firmate diverse intese bilaterali.

Sergio Mattarella in Uzbekistan: «Hamas non rappresenta i palestinesi»

«Le azioni militari tengano conto delle vittime civili, ma non si può mettere sullo stesso piano la deliberata azione di Hamas di colpire civili inermi». Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, da giovedì 9 novembre a Tashkent, ha ribadito che «Hamas non rappresenta il popolo palestinese». Durante l’incontro con il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev, ha sottolineato: «Quello che ha fatto Hamas il 7 ottobre sgozzando bambini, violentando le donne, prendendo ostaggi bambini e anziani, firmando le scene di violenza è un insulto all’umanità». Il presidente della Repubblica, parlando della situazione a Gaza, ha espresso «grande preoccupazione per la situazione umanitaria della popolazione, anche per il mancato rispetto dei diritti umani e in particolare della condizione delle donne. Resto convinto» – ha aggiunto – che l’unica soluzione che porti alla stabilità e alla pace sia quella di due popoli e due stati». Prima dei colloqui, ha deposto una corona di fiori al monumento dell’Indipendenza uzbeko a Tashkent.

Firmate diverse intese bilaterali

Il capo dello Stato, accolto al palazzo presidenziale da una cerimonia ufficiale di benvenuto, ha firmato anche una serie di intese bilaterali. La prima è un accordo tra il governo della repubblica italiana e il governo della repubblica dell’Uzbekistan sull’esenzione dall’obbligo di visto per corto soggiorno in favore dei titolari di passaporto diplomatico. La seconda, come riportato dall’Ansa, è un memorandum of understanding fra il Ministero dell’università e della ricerca e il Ministero dell’università, della scienza e dell’innovazione uzbeko sulla cooperazione nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione.

E ancora un memorandum di intesa sullo sviluppo dell’istruzione pubblica tra il Ministero dell’istruzione e del merito, e il Ministero dell’istruzione prescolare e scolastica della repubblica dell’Uzbekistan. Firmato anche un quarto, sulla cooperazione fra l’istituto Diplomatico del Ministero degli esteri e l’accademia diplomatica presso l’università dell’Economia mondiale e della diplomazia del Ministero degli affari esteri della Repubblica dell’Uzbekistan, e infine l’ultimo fra il Ministero per le politiche giovanili e lo sport della Repubblica dell’Uzbekistan e il dipartimento per lo sport della presidenza del consiglio dei ministri della repubblica italiana sulla cooperazione nel campo dello sport e dell’educazione fisica.