Sinistra, tra Pisapia e Speranza torna il dialogo

Redazione
03/08/2017

Tornano a parlarsi per telefono Roberto Speranza e Giuliano Pisapia, dopo che l'ex sindaco di Milano aveva fatto saltare l'incontro...

Sinistra, tra Pisapia e Speranza torna il dialogo

Tornano a parlarsi per telefono Roberto Speranza e Giuliano Pisapia, dopo che l'ex sindaco di Milano aveva fatto saltare l'incontro in programma tra i due la scorsa settimana, a causa delle critiche giunte da Articolo 1-Mdp per la fotografia che lo ritraeva abbracciato al sottosegretario del Pd Maria Elena Boschi (leggi anche: Campo progressista, Pisapia fa saltare il banco con Mdp).

L'APPUNTAMENTO A OTTOBRE. «Stiamo lavorando», hanno fatto sapere alla stampa dopo la telefonata, «per dare gambe e fiato alle idee emerse in questi mesi. Ci daremo appuntamento a breve per approfondire la nostra proposta programmatica e per stabilire un percorso di partecipazione dal basso che vedrà nel mese di ottobre il culmine con una grande assemblea democratica».

[mupvideo idp=”5530397731001″ vid=””]

In una nota congiunta, Speranza e Pisapia hanno inoltre affermato di condividere «la necessità di dare forza e sostanza al progetto avviato 1° luglio a Roma». L'obiettivo è «offrire finalmente una casa ai milioni di elettori di centrosinistra che chiedono discontinuità rispetto alle politiche degli ultimi anni. L'Italia ha bisogno di un progetto nuovo e aperto, inclusivo verso il civismo, l'associazionismo laico, cattolico e ambientalista, il volontariato, il mondo del lavoro e delle imprese».

DALLA MANIFESTAZIONE ROMANA AI PRIMI DISSAPORI. Lo scorso 1° luglio, con la manifestazione "Insieme" organizzata da Campo progressista cui avevano partecipato Massimo D’Alema e Pier Luigi Bersani, sembrava che le diverse anime a sinistra del Pd avessero iniziato a prendere una forma comune, in vista delle elezioni politiche del 2018. Poi, però, erano arrivati i primi dissapori, con il rifiuto di Pisapia di candidarsi al parlamento e le critiche di Articolo 1-Mdp per l'abbraccio con Boschi. Il dialogo, interrotto da allora, è ripreso il 3 agosto.