Siria, l’odissea dei profughi non si ferma

Redazione
11/08/2017

Circa 603.000 siriani che erano fuggiti dalle proprie case per la guerra civile vi hanno potuto fare ritorno dall'inizio del...

Siria, l’odissea dei profughi non si ferma

Circa 603.000 siriani che erano fuggiti dalle proprie case per la guerra civile vi hanno potuto fare ritorno dall'inizio del 2017, ma altri 808.000 sono stati costretti a scappare da nuovi combattimenti, alcuni anche per la seconda o terza volta.

L'ULTIMO RAPPORTO DELL'OIM. L'ultimo rapporto dell'Oim, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni unite, fotografa una situazione ancora drammatica. In un Paese che all'inizio del conflitto, nel 2011, contava 22 milioni di abitanti, oltre 6 milioni rimangono sfollati all'interno dei confini e quasi 5 milioni all'estero, per la maggior parte in Turchia, Libano e Giordania e, in misura minore, Iraq ed Egitto.

[mupvideo idp=”5535526876001″ vid=””]

L'84% di coloro che hanno potuto fare ritorno nei loro luoghi di origine erano sfollati interni e solo il 16% era andato all'estero. Circa la metà di coloro che sono rientrati sono tornati nella provincia di Aleppo, una tendenza che conferma quella registrata nel 2016, quando i ritorni erano stati circa 686.000 durante tutto l'arco dell'anno. Di questi, però, 42 mila sono stati costretti a fuggire nuovamente.