Siria, la Turchia prepara l’assalto finale ad Afrin

Redazione
16/03/2018

Il ramoscello d'olivo di Erdogan si ta stringendo intorno all'enclave curda di Afrin. L'esercito turco, insieme alla milizia dell'Esercito siriano...

Siria, la Turchia prepara l’assalto finale ad Afrin

Il ramoscello d'olivo di Erdogan si ta stringendo intorno all'enclave curda di Afrin. L'esercito turco, insieme alla milizia dell'Esercito siriano libero, sta per sferrare l'attacco decisivo contro il centro di Afrin. In particolare l'esercito di Ankara ha fatto piovere sull'area alcuni volantini in cui invita i miliziani dell'Ypg a deporre le armi in modo da porre fine all'offensiva lanciata alla fine di gennaio.

ANKARA: «ARRENDETEVI». «Arrendetevi! Un futuro di calma e pace vi attende ad Afrin. Fidatevi della mano che vi tendiamo», si legge nei fogli, scritti in arabo e in curdo, secondo quando riferiscono le forze armate turche. In altri volantini si invitano poi i residenti civili, indicati come «i nostri fratelli di Afrin», a stare lontani dalle «postazioni dei terroristi» per evitare di essere colpiti nei raid e a non farsi usare come «scudi umani!. Ankara ha lanciato inoltre un appello a sentirsi sicuri nell'evacuare l'area «sotto la garanzia» dei suoi militari.

20 MORTI NEI RAID DELL'AVIAZIONE TURCA. Intanto però nella Siria nord occidentale si continua a morire. Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus, che ha sede a Londra), almeno 18 persone sono rimaste uccise da una serie di raid aerei turchi sul centro di Afrin. L'Osservatorio ha mostrato in una serie di video con dei corpi senza vita in un luogo non precisato ad Afrin. Altre fonti di stampa parlano di 20 civili uccisi, citando le forze curdo-siriane vicine dall'ala locale del Pkk. Uno di questi raid avrebbe colpito il principale ospedale della città uccidendo almeno 10 persone.

[mupvideo idp=”5750457866001″ vid=””]