Redazione

SisalPay, pagamenti verso la Pubblica Amministrazione più semplici

SisalPay, pagamenti verso la Pubblica Amministrazione più semplici

20 Dicembre 2018 14.42
Like me!

SisalPay, il brand dei servizi di pagamento del Gruppo Sisal, viene sempre più apprezzato dagli italiani. Questo anche grazie alla semplicità dei pagamenti verso la Pubblica Amministrazione: da gennaio a novembre 2018, la società ha gestito 1,3 milioni di transazioni con la funzione pagoPA, attraverso la rete di oltre 40 mila punti vendita in Italia (edicole, bar e tabaccherie) e il web, diventando così il terzo operatore italiano per numero di transazioni.

A sostenere l’incremento dei volumi gestiti da SisalPay, cresciuti di oltre il doppio (+150%, considerando il periodo gennaio – settembre 2017 vs. gennaio – settembre 2018), per una quota di mercato del 14,8%, c’è oggi anche la nuova funzione pagoPA sull’app SisalPay, con cui sarà possibile pagare in modo ancor più semplice, comodo e sicuro tasse, multe, bollo auto e ticket sanitari. Attraverso la funzione “Scatta e Paga”, sarà possibile completare il pagamento con uno semplice scatto dal proprio smartphone.

Dal punto di vista degli impieghi, gli italiani usano il sistema di pagamento SisalPay soprattutto per i versamenti verso l’Agenzia delle Entrate (50% del totale delle transazioni), per pagare i servizi comunali (22%) e, infine, per le tasse scolastiche ed universitarie (18%).

L’App SisalPay, scaricabile gratuitamente dagli store Apple e Android, completa le offerte di pagamento della società, dando ai clienti un ulteriore strumento per facilitare la relazione tra utenti ed esercenti e quella tra utenti e pubbliche amministrazioni. L’App SisalPay, inoltre, permette di individuare i punti vendita SisalPay sul territorio, ricaricare il cellulare nelle ricevitorie mostrando il codice a barre (QR code) ed offre un archivio intelligente dei pagamenti effettuati dal singolo utente, favorendo una gestione più semplice e strutturata del bilancio familiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *