Slancio di Snam verso efficienza energetica e innovazioni green

Redazione

Slancio di Snam verso efficienza energetica e innovazioni green

Migliorare l'efficientamento energetico dei condomini e degli immobili della pubblica amministrazioni, accordi con le banche italiane e lo sviluppo di nuove energie green. Questi alcuni punti promossi da Snam.

01 Luglio 2019 11.55
Like me!

Per migliorare la qualità di vita delle persone, soprattutto in città, è fondamentale il risparmio energetico e l’adozione di tecnologie a basso o nullo impatto ambientale . Secondo l’Ispra, oltre il 50% delle PM10 e del monossido di carbonio emessi annualmente in Italia derivano dal settore residenziale, mentre l’Unione Europea ha stimato che in media il 40% del consumo energetico totale degli Stati membri sia imputabile agli edifici. Dati che rendono evidente l’importanza di migliorare l’efficientamento energetico delle abitazioni, per mitigare il cambiamento climatico e ridurre l’utilizzo e lo spreco di risorse.

RENDERE PIÙ SICURI E SOSTENIBILI I CONDOMINI ITALIANI


In Italia uno degli operatori più attivi in questa direzione è Snam, che ha iniziato a investire nell’efficienza energetica nel 2018, con l’acquisizione della “esco” (energy service company) Tep Energy Solution. Il principale ambito di intervento di Tep sono proprio i condomini. Per renderli più sicuri e più sostenibili, l’azienda offre il prodotto “CasaMia”, che punta a riqualificare energeticamente gli edifici finanziando i lavori tramite il risparmio sui consumi e la cessione del credito d’imposta legato al meccanismo dell’Ecobonus e Sismabonus. Grazie agli interventi inclusi nel pacchetto – tra cui realizzazione di “cappotti termici”, sostituzione degli infissi e riqualificazione di centrali termiche – è possibile risparmiare fino alla metà dei consumi energetici, migliorare il comfort delle unità immobiliari e la sostenibilità degli edifici e aumentarne il valore di mercato fino al 10-15%

IL SUPPORTO DELLE BANCHE ITALIANE


Finora “CasaMia” è stato proposto a oltre 400 condomini in tutta Italia e, al fine di offrire un servizio completo – dalla consulenza finanziaria e tecnica, all’erogazione del contributo fino alla realizzazione del progetto – Tep collabora anche con importanti banche italiane. L’azienda ha firmato qualche giorno fa un accordo con Intesa Sanpaolo che ha come oggetto prioritario proprio i condomini, per i quali Intesa metterà a disposizione finanziamenti a copertura della quota non compresa nell’Ecobonus o Sismabonus e, in generale, fino all’80% dell’investimento. Tep lavora in sinergia anche con Unicredit, che può concedere mutui chirografari di durata fino a 10 anni (a tasso fisso o variabile) ai condomini per il pagamento dei lavori, facendo anche leva sulle detrazioni Ecobonus (fino al 75% dell’importo) e Sismabonus (fino all’85%).

FORMAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO


La rete di partnership di Snam e Tep si allarga anche agli amministratori di condominio. In quest’ambito è stata recentemente siglata un’intesa con Anaci, associazione che conta oltre 8.000 professionisti iscritti: l’obiettivo è formare gli amministratori sui servizi a disposizione per l’efficientamento dei consumi e il consolidamento anti-sismico degli edifici, in linea con la visione alla base del progetto “Condominio Social Smart” di Anaci, che guarda a soluzioni di ultima generazione per il vivere in comunità.

ACCORDO CON CDP PER IMMOBILI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE


Oltre al settore residenziale, Snam è impegnata anche nella riqualificazione del patrimonio immobiliare della pubblica amministrazione. Ha proprio questo obiettivo l’accordo siglato tra l’azienda guidata da Marco Alverà e Cassa Depositi e Prestiti lo scorso febbraio per promuovere progetti indirizzati ad accelerare il processo di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico.
«L’efficienza energetica interna ed esterna all’azienda – sostiene Alverà – è uno dei capisaldi del nostro progetto Snamtec per la sostenibilità, la transizione energetica e l’innovazione, con 850 milioni di euro di investimenti entro il 2022».

IL PIANO STRATEGICO 2019-2022

L’iniziativa, inquadrata nel piano strategico presentato a fine 2018, comprende anche progetti rivolti a rendere più efficiente la rete italiana del gas gestita dall’utility, installando macchinari a basso impatto ambientale e sperimentando nuove tecnologie per ridurre del 25% le emissioni di metano entro il 2025, e risorse finanziarie a sostegno dei nuovi business “green”, come la mobilità sostenibile, il biometano e l’idrogeno.

IDROGENO, IL NUOVO BUSINESS “GREEN”

A proposito di idrogeno, la società ha lanciato in aprile in Campania la prima sperimentazione in Europa di immissione nella rete di una miscela di gas e idrogeno al 5%. L’idrogeno avrà infatti un ruolo cruciale nel garantire il raggiungimento degli obiettivi europei e globali di decarbonizzazione al 2050. La combustione dell’idrogeno, infatti, non genera emissioni di anidride carbonica. In prospettiva, inoltre, l’idrogeno “green” prodotto attraverso l’elettrolisi da fonti rinnovabili come sole e vento permetterà a queste risorse non programmabili di beneficiare della capillare rete di trasporto gas e degli stoccaggi, contribuendo a fronteggiare la sfida dell’intermittenza dell’energia verde.

COMITATO DEDICATO A FATTORI AMBIENTALI, SOCIALI E GOVERNANCE

L’impegno di Snam sul fronte dei fattori ambientali, sociali e di governance ha portato il Consiglio di Amministrazione della società, presieduta da Luca Dal Fabbro, a dare vita a un comitato dedicato esclusivamente a questi temi. L’iniziativa testimonia il ruolo di protagonista della transizione energetica che Snam sta assumendo nonché il continuo impegno di tutta l’azienda, a partire dal Consiglio di Amministrazione, sulla responsabilità sociale e ambientale, sui temi legati al climate change, alla diversità e all’inclusione e sulle migliori pratiche di governo societario, elementi decisivi per una creazione di valore sostenibile nel lungo termine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *