Soumahoro, a processo la moglie, la suocera e il cognato per il caso delle cooperative dei migranti

Redazione
15/12/2023

Liliane Murekatete, Marie Therese Mukamitsindo e Michel Rukundo saranno davanti al giudice il 24 gennaio 2024. Si tratta del primo filone dell'inchiesta sui fondi della Karibu e della Consorzio Aid. L'accusa è di aver evaso due milioni e mezzo di euro.

Soumahoro, a processo la moglie, la suocera e il cognato per il caso delle cooperative dei migranti

Liliane Murekatete, Marie Therese Mukamitsindo e Michel Rukundo, rispettivamente moglie, suocera e cognato del deputato Aboubakar Soumahoro, andranno a giudizio per il primo filone dell’inchiesta sui presunti reati delle cooperative impegnate nell’accoglienza dei migranti. Dovranno rispondere dell’accusa di evasione fiscale e dovranno comparire davanti al giudice del tribunale di Latina, Simona Sergio, il 24 gennaio prossimo. Il giudice per l’udienza preliminare Pierpaolo Bortone ha disposto il rinvio a giudizio anche per una loro collaboratrice, Ghislaine Ada Ndongo.

Soumahoro, a processo la moglie, la suocera e il cognato per il caso delle cooperative dei migranti
Murekatete e Soumahoro (Imagoeconomica).

Per la Procura le cooperative hanno evaso oltre due milioni e mezzo di euro

Le cooperative Karibu e Consorzio Aid, secondo la Procura di Latina, avrebbero evaso più di due milioni e mezzo di euro. Il pm, alle accuse della precedente udienza, ha integrato ulteriori contestazioni che derivano dalle dichiarazioni dei redditi del 2018 e del 2019. Le due cooperative sono state sciolte dal Ministro delle Imprese. Parte civile saranno i loro ex lavoratori, lasciati senza stipendi. Proprio dalle denunce dei dipendenti è partita poi l’inchiesta. Si è costituito parte civile anche il sindacato Uiltucs, protagonista della battaglia legale con il suo segretario Gianfranco Cartisano.

Irreperibili un altro cognato di Soumahoro e una seconda collaboratrice

Il giudice Bortone, inoltre, ha disposto ulteriori ricerche per altri due protagonisti della vicenda, che risultano irreperibili. Si tratta di Richard Mutangana, un altro cognato di Soumahoro, e di Kabukoma Christine Ndyanabo Koburangyra, una seconda collaboratrice. Al primo viene contestato di aver investito soldi provenienti dalle cooperative per i migranti in attività di varia natura in Ruanda. Ci sarebbero anche dei safari. Per loro l’udienza è stata rinviata al 26 aprile 2024.

Proseguono le indagini sugli altri capi d’accusa

Intanto proseguono le indagini sulla moglie, la suocera e il cognato del deputato riguardanti le altre accuse: bancarotta, autoriciclaggio e frode in pubbliche forniture. La Procura di Latina ipotizza che le risorse acquisite dallo Stato siano state in realtà utilizzate per l’acquisto di abiti firmati, gioielli, hotel di lusso e cene in ristoranti stellati. Ma ci sarebbero anche investimenti immobiliari in Belgio, Portogallo e Ruanda.