Spagna, protesta dei vigili del fuoco in Galizia: fiamme sulla polizia

Redazione
24/10/2023

Durante gli scontri, sono stati utilizzati dai pompieri candelotti fumogeni, razzi e petardi. Gli scioperi vanno avanti dal mese di giugno. Tra le richieste, l'aumento degli stipendi e il miglioramento delle condizioni di lavoro.

Spagna, protesta dei vigili del fuoco in Galizia: fiamme sulla polizia

Vanno avanti da giugno gli scioperi del personale dei vigili del fuoco in Galizia, Spagna, per chiedere migliori condizioni di lavoro. Più di 200 i vigili del fuoco dei parchi regionali che lunedì 23 ottobre hanno manifestato davanti al Consiglio provinciale di Ourense, quando si sono verificati scontri con la polizia, in assetto antisommossa. I vigili del fuoco sono arrivati addirittura a usare le fiamme contro gli agenti.

Gli scontri

Durante la protesta, i vigili del fuoco hanno utilizzato candelotti fumogeni, razzi e petardi. Il sindacato unificato di Polizia ha espresso solidarietà ai colleghi dell’unità di intervento della polizia che hanno formato il cordone di polizia a protezione del palazzo dell’amministrazione. «I pompieri della Diputación de Ourense hanno cercato di entrare e, quando gli è stato impedito, hanno attaccato i nostri colleghi con i razzi» ha denunciato il sindacato, aggiungendo: «Sembra incredibile che proprio loro ricorrano a questi mezzi».

Le ragioni della protesta

I vigili del fuoco, che denunciano stipendi troppo bassi, lottano da mesi per ottenere un accordo regionale che migliori le loro condizioni di lavoro e i loro salari. Inoltre, la mancanza di personale ha costretto alla chiusura parziale di alcune stazioni e ridotto drasticamente il servizio in altre, influendo sulla capacità di rispondere alle situazioni di emergenza. Sono 24 i parchi regionali della Galizia che si trovano in questa situazione.