La polemica sugli spot governativi durante Sanremo 2019

La polemica sugli spot governativi durante Sanremo 2019

07 Febbraio 2019 01.36
Like me!

Senza polverone politico che Sanremo sarebbe? Così anche nella seconda serata dell'edizione 2019 del Festival non è andato tutto liscio. Prima Claudio Bisio e Michelle Hunziker hanno cantato sul filo della satira politica la «lega dell'amore finanziata coi baci e con i sentimenti» (messaggio ai 49 milioni che deve restituire il Carroccio?), poi Pio e Amedeo se la sono presa con il Partito democratico («per tenerceli buoni abbiamo inviato un cestino a tutti gli elettori, erano meno dei candidati») e con Silvio Berlusconi («Ci proverà con le Europee, anche perché quando ci ha provato con le nordafricane è successo un casino»). Ma a scatenare le accuse più accese contro il governo gialloverde da parte delle opposizioni è stato qualcosa che non è andato in onda durante la kermesse canora sul palco dell'Ariston. Bensì negli intermezzi pubblicitari.

L'esecutivo formato da Lega e Movimento 5 stelle infatti ha voluto usare la potenza di fuoco di Sanremo – che conta su un bacino d'utenza di 10 milioni di spettatori, stando ai dati di ascolto della prima serata – per sponsorizzare le sue misure-bandiera: il reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni. E così – per la verità ben oltre la mezzanotte – sono andati in onda due spot che spiegavano i vantaggi dei provvedimenti. In particolare quello sul reddito alla fine recitava: «Una rivoluzione per il mondo del lavoro».

Violazione violenta e arrogante del ruolo imparziale che il servizio pubblico è chiamato a svolgere. Bisogna accertare tutti i livelli di responsabilità

La cosa però non è piaciuta affatto al Pd. Che con le parole del deputato dem Antonello Giacomelli, vicepresidente della commissione di Vigilanza Rai, ha attaccato il governo: «Mandare in onda i due spot è sarebbe grave e una violazione violenta e arrogante del ruolo imparziale che il servizio pubblico è chiamato a svolgere», aveva detto parlando dell'eventualità che fossero trasmessi. Cosa che poi è puntualmente accaduta. «Un fatto del genere dopo i casi di Grillo e di Povera Patria non potrebbe rimanere senza conseguenze a partire dall'accertamento di tutti i livelli di responsabilità. In tutte le sedi comprese quelle della responsabilità verso la Corte dei conti e gli altri organi di vigilanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *