Il M5s contro gli stipendi «esorbitanti» dei commissari Ue

Il M5s contro gli stipendi «esorbitanti» dei commissari Ue

17 Gennaio 2019 11.00
Like me!

La battaglia grillina contro gli sprechi europei continua. Destinata probabilmente a caratterizzare l'intera campagna elettorale del Movimento 5 stelle da qui alle elezioni di maggio 2019. Questa volta gli eurodeputati pentastellati hanno attaccato i commissari dell'Unione europea per i loro stipendi «esorbitanti», che «sono uno schiaffo agli oltre 100 milioni di poveri». Ignazio Corrao ha spiegato che il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker «percepisce il 138% dello stipendio del funzionario con più alto grado della Commissione e cioè 27.436,90 euro al mese», mentre «l'alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini 25.845,35, i vicepresidenti 24.852,26 euro al mese» e «tutti gli altri Commissari 22.852,26 euro al mese».

DI MAIO E DI BATTISTA SE LA SONO PRESA CON LA SEDE DI STRASBURGO

Pochi giorni prima Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista si erano messi in macchina in direzione Strasburgo, la "contestata" sede del parlamento Ue: «Ci sono due parlamenti, uno a Bruxelles e uno qui. E questa è la marchetta francese che dobbiamo cancellare il prima possibile», aveva detto Di Maio. Secondo il vicepremier «il taglio agli sprechi dell'Ue» è un tema che «andrà avanti con molta forza, lo metteremo nel manifesto del nuovo gruppo parlamentare. La sede Strasburgo è il simbolo dell'arroganza dell'Ue che a noi viene a rompere le scatole anche su quanto dobbiamo aumentare la pensione agli invalidi e qui, quando si tratta di Paesi come la Francia, si possono fare queste cose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *