Start up, scuola, internet: crescita al via

Redazione
24/08/2012

Internet per tutti, social card, liberalizzazioni e un nuovo concorso pubblico per la scuola. Ma anche dismissioni, ricostruzione post sisma...

Start up, scuola, internet: crescita al via

Internet per tutti, social card, liberalizzazioni e un nuovo concorso pubblico per la scuola.
Ma anche dismissioni, ricostruzione post sisma in Emilia e a L'Aquila, missioni internazionali da proseguire.
È la fittissima agenda del governo per la crescita: appunti riempiti in quasi nove ore di seduta-fiume del Consiglio dei ministri, con fischio finale intorno alle 18.40.
MONTI: «MOBILITAZIONE GENERALE». Se non è record, poco ci manca. Il premier Mario Monti aveva caricato così, la sua squadra, all'inizio: «Voglio una mobilitazione generale per la crescita».
Un brainstorming per programmare l'azione in vista del rush finale di legislatura, ma soprattutto utile per una prima analisi dei progetti che i responsabili dei dicasteri hanno presentato.
«Tutti devono fare la propria parte», ha detto il Prof, esortando a «impegnarsi al massimo».
CON UN OCCHIO ALLA CRISI. Allo stesso tempo – è stato spiegato – il presidente del Consiglio ha invitato a «tener conto della crisi internazionale» e a non dimenticare «l'obbligo del raggiungimento del pareggio di bilancio».
Insomma, le risorse sono limitate, ma ora si deve agire.
TENSIONI E SMENTITE. All'uscita dalla riunione facce tirate dei tecnici, per stanchezza e forse qualche tensione.
Almeno ai giornalisti, il ministro dello Sviluppo Corrado Passera ha smentito liti.
Creare una sintesi di tutti i dossier non è stato facile e ha provocato scintille: perché a tagliare sono bravi tutti, ma quando si tratta di imboccare la strada della crescita le scelte si fanno più delicate e cruciali.
«TUTTO OK CON GRILLI». «Con il ministro dell'Economia Vittorio Grilli abbiamo sempre trovato soluzioni per investimenti e spese che potevano creare crescita. In nessun modo l'obiettivo del rafforzamento dei conti e quello della crescita devono essere visti come alternativi. Sono uno presupposto dell'altro», ha dichiarato Passera all'uscita.
«GRANDE COLLABORAZIONE». La squadra non è tornata dalle (brevi) vacanze arrugginita, a quanto pare: «È stata una riunione con grande collaborazione tra i ministri: tutti sono mobilitati per uscire dalla recessione», ha continuato il superministro.
Con i prossimi provvedimenti gran parte dell'agenda fissata a dicembre scorso dal governo «sarà completata».

Incentivi per gli investimenti esteri e semplificazioni

Tra le altre, misure per l'agenda digitale, per le start-up, per attirare investimenti esteri, per le semplificazioni e per le Pmi (piccole medie imprese).

SANITÀ, POSTE, CULTURA. L'agenda del governo prevede nuove liberalizzazioni per «creare spazi nuovi per la crescita di autonome iniziative private attualmente bloccate o rese interstiziali da una presenza pubblica invadente e spesso inefficiente (esempio, settore postale, beni culturali e sanità)», ha recitato il comunicato del Cdm.

NIENTE TASSE AI TERREMOTATI. Il Cdm ha inoltre dato il via libera alla proroga della sospensione della tassazione nelle aree terremotate del Centro-Nord fino al 30 novembre prossimo.
La misura dovrebbe essere disposta con decreto ministeriale, che deve stabilire anche i criteri per avvalersi della proroga.

RICOSTRUIRE IN EMILIA E RECUPERARE IL CENTRO STORICO DE L'AQUILA. Tra gli obiettivi c'è quello di «proseguire l'attività di ricostruzione, messa in sicurezza e recupero anche ai fini turistici delle aree colpite dal terremoto del maggio 2012, del centro storico de L'Aquila».
Pronto un Piano Strategico per il Turismo Sviluppo di iniziative di attrattività turistica legate a Expo 2015; la pianificazione urbanistica con impatto sul paesaggio del territorio nazionale, definendo, insieme con le Regioni e gli Enti locali, 'piani paesaggistici' compatibili con il rispetto del Codice dei beni culturali e del paesaggio, con la tutela di luoghi storici e naturali, con la rigenerazione dei centri urbani e periferie degradate.

ASSUNZIONE DI PERSONALE SCOLASTICO. Il Cdm ha autorizzato il Miur «ad assumere a tempo indeterminato, a partire dall'anno scolastico 2012-2013 dirigenti scolastici, personale docente, personale tecnico-amministrativo e direttori amministrativi».
Le assunzioni riguardano 1.213 unità di dirigenti scolastici; 134 trattenimenti in servizio di dirigenti scolastici, solo per l'anno scolastico 2012/2013; 21.112 unità di personale docente ed educativo.

NUOVO CONCORSO PER I DOCENTI, IL PRIMO DAL 1999. Nuovo bando di concorso, il primo dal 1999, per 11.892 docenti della scuola: lo ha reso noto il ministero dell'Istruzione.
La pubblicazione del bando, per titoli ed esami, su base regionale, è prevista per il 24 settembre prossimo. La procedura concorsuale avverrà secondo modalità innovative per favorire l'ingresso nella scuola di insegnanti giovani, capaci e meritevoli.

SOCIAL CARD IN 2013 E DETRAZIONI PER FAMIGLIE. L'azione del governo per i prossimi mesi prevede di «rivedere le detrazioni fiscali a vantaggio della famiglia e favorire la natalità e di rifinanziare la 'carta acquisti' per il 2013 a sostegno delle famiglie colpite da disagio economico».

AZIONE NEL RISPETTO VINCOLI FINANZE E UE. Le azioni di governo «dovranno svolgersi nel rispetto delle compatibilità finanziarie e dei vincoli europei, come è stato illustrato dai ministri Vittorio Grilli e Enzo Moavero», ha annunciato la nota al termine del Consiglio dei ministri.
«Una giornata intera dedicata alla riflessione su come mobilitare tutte le energie per raggiungere l'obiettivo della crescita», ha riferito il comunicato.

DISMISSIONE IMMOBILI-PARTECIPAZIONI PUBBLICHE. Nel mirino anche la riduzione del debito pubblico, «in particolare mettendo in atto gli strumenti creati per procedere alla valorizzazione e successiva dismissione del patrimonio dello Stato, sia degli immobili sia delle partecipazioni pubbliche», hanno riferito dal Cdm.

CORRUZIONE: APPROVARE DDL IN VIA DEFINITIVA. Monti intende quindi «approvare in via definitiva il disegno di legge 'anticorruzione'».

ARMONIZZARE DISCIPLINA LAVORO PRIVATO-PUBBLICO. Tra le azioni in programma per i prossimi mesi c'è anche quella di «armonizzare la disciplina di riforma del mercato del lavoro privato con quella del lavoro pubblico».

DIFESA MADE IN ITALY E STOP AL CONSUMO DI SUOLO. Una politica per regolare il consumo del suolo salvaguardando la produzione alimentare; contrasto del dissesto idrogeologico; lotta alla contraffazione e valorizzazione dell'agroalimentare Made in Italy: è il pacchetto presentato dal ministro delle Politiche agricole, Mario Catania.
Tra gli interventi che puntano allo sviluppo del territorio e dell'ambiente, anche la pubblicazione online di tutti i controlli cui sono soggette le imprese agricole, e il completamento del sistema di regole per rendere trasparenti le origini dei prodotti alimentari, avviando al contempo la semplificazione normativa dei controlli e degli adempimenti.

DIPLOMAZIA, VIA ALLA CABINA DI REGIA PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE. «Per dare vita ad un forte coordinamento delle politiche e delle strategie di internazionalizzazione è stata avviata la Cabina di Regia per l'internazionalizzazione che riunisce i principali attori istituzionali e di impresa», ha spiegato il comunicato.
«È stata inoltre costituita la nuova Agenzia per l'internazionalizzazione e l'export (nuova Ice) definendo nuove e più chiare strategie di supporto alle aziende italiane all'estero. È stata razionalizzata e potenziata la rete estera italiana, attraverso una forte integrazione, funzionale e organizzativa di Ambasciate, sedi Enit ed Ice e Camere di Commercio estere. È stato avviato un processo volto ad accentrare presso la Cassa Depositi e Prestiti il sistema di supporto finanziario all'export attraverso il conferimento di Sace e Simest. Si è inoltre intervenuto su diversi fattori sensibili per aumentare l'attrattività del Paese per gli investitori esteri, dalla rapidità della giustizia civile, all'accelerazione delle regole per la realizzazione di investimenti infrastrutturali alla riduzione degli obblighi amministrativi, al funzionamento del mercato del lavoro».

DIFESA, PROSEGUIRE MISSIONI INTERNAZIONALI. Tra le azioni del governo in programma nel settore della Difesa vi è, si legge in una nota di Palazzo Chigi, «il proseguimento delle missioni militari internazionali all'estero nelle quali le Forze Armate sono presenti con forze di peacekeeping, dal Libano all'Afghanistan, o con osservatori, come in Siria».