Le cose da sapere sul nuovo governo di Kurz in Austria

Dopo lo scandalo Strache, il cancelliere ha scelto un esecutivo semi tecnico. Ma già dopo il voto europeo, è chiamato ad affrontare la sfiducia in parlamento. 

22 Maggio 2019 07.42
Like me!

Il giuramento è stato pronunciato di fronte al presidente austriaco Alexander Van der Bellen, ma sul destino dei i ministri 'tecnici' del nuovo governo austriaco, chiamati a sostituire i membri dell'esecutivo della Fpoe che si sono dimessi dopo lo scandalo 'Ibiza-gate' pesano ancora molte incognite. Il cancelliere e leader dei Popolari Sebastian Kurz intende arrivare alle elezioni di inizio settembre con questo governo semi-tecnico, però già lunedì dovrà affrontare un voto al Parlamento sulla mozione di sfiducia presentata da 'Jetzt'. E in mezzo ci sono le elezioni europee.

LEGGI ANCHE: A che punto è la crisi di governo in Austria

UN MONOCOLORE DI MINORANZA CON TECNICI NEI POSTI CHIAVE

Van der Bellen ha proceduto alla nomina dei ministri tecnici e da questo momento, il governo austriaco è un monocolore di minoranza dell'Oevp. L'ex presidente della Corte suprema diventa Eckart Ratz diventa ministro dell'Interno: l'ex dirigente statale Walter Poeltner diventa ministro del Welfare; Il vicecapo di Stato Maggiore della Difesa Johann Luif diventa ministro della Difesa. La 36enne Valerie Hackl, fino ad oggi a capo di Austro-Control (equivalente dell'Enav in Italia) diventa ministro delle Infrastrutture. Il nuovo vice cancelliere è il ministro delle Finanze Hartwig Loeger.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *