Strage di Erba, la Corte d’Appello ammette il ricorso: si deciderà sulla revisione del processo

Redazione
09/01/2024

I coniugi Rosa Bazzi e Olindo Romano, condannati all'ergastolo per i fatti dell'11 dicembre 2006, sono chiamati a comparire in udienza l'1 marzo 2024.

Strage di Erba, la Corte d’Appello ammette il ricorso: si deciderà sulla revisione del processo

La Corte d’Appello di Brescia ha emesso un decreto di citazione a giudizio nei confronti di Rosa Bazzi e Olindo Romano, condannati all’ergastolo per la strage di Erba del 2006 in cui vennero uccise quattro persone. I due coniugi sono chiamati a presentarsi all’udienza dell’1 marzo 2024 in cui si deciderà sull’istanza di revisione del processo presentata a ottobre 2023 dai legali della coppia Fabio Schembri e Luisa Bordeaux.

Per i legali ci sarebbero nuovi elementi “incompatibili” con la colpevolezza dei coniugi

Una richiesta giunta in base a supposti nuovi elementi che, a loro detta, potrebbero perfino portare a un proscioglimento della coppia in carcere dal 2007. E che seguiva la richiesta di revisione presentata tra molte polemiche dal sostituto pg di Milano Cuno Tarfusser. Tra le loro argomentazioni vi sono le modalità della morte di Valeria Cherubini, che sarebbero “incompatbili” con la tesi di Olindo e Rosa colpevoli, le intercettazioni ambientali sul letto d’ospedale del sopravvissuto Mario Frigerio, uno studio sull’energia elettrica nella casa dell’eccidio, e la testimonianza di Abdi Kais, mai sentito dagli inquirenti e residente nell’abitazione di Erba, che venne poi arrestato per spaccio nella zona dove avvenne il massacro.