Cosa sappiamo sui quattro studenti italiani arrestati a Cadice

Cosa sappiamo sui quattro studenti italiani arrestati a Cadice

I giovani, portati in tribunale, sono ritenuti responsabili di una rissa terminata nel violento pestaggio di un ragazzo spagnolo, ora ricoverato in gravi condizioni.

25 Maggio 2019 16.20

Like me!

Una serata tra giovani come tante, iniziata nel divertimento e nell'eccitazione dei locali e della movida, tra risate e bevute, e finita all'alba con le sirene dell'ambulanza e delle volanti della polizia. Un ragazzo spagnolo ricoverato in ospedale in gravi condizioni e quattro studenti italiani in Erasmus arrestati e portati in manette in commissariato: la tranquilla città di Cadice, in Andalusia, nel sud della Spagna, è diventata teatro di una violenza senza senso, immortalata anche in un video choc che ha immediatamente iniziato a circolare sul web dopo essere stato pubblicato dai media locali. Gli italiani arrestati sono Emilio Di Puorto, 29 anni, di Napoli, Nicola Iannetta, di 21 anni di Salerno, Dario Bordoni, di 25 anni e Luca Maicon Vinicius Bellavia, di 22 anni (di questi ultimi due non è ancora nota la città di residenza). I quattro, portati in tribunale nella mattinata del 26 maggio, sono anche amici tra loro su Facebook.

LA LITE FUORI DALLA DISCOTECA MOMMART DI CADICE

Il diverbio tra alcuni giovani del posto e un gruppo di italiani è scoppiato in un primo momento nella frequentata discoteca Mommart ed è poi proseguito all'esterno del locale, intorno alle sette del mattino, sulla banchina del porto nella zona di Punta de San Felipe. Un ritrovo abituale per i giovani del posto e per gli studenti Erasmus, dove episodi simili avverrebbero di frequente. Secondo alcune fonti, a girare il video è stato lo stesso addetto alla sicurezza del locale, tanto che un'amica degli italiani gli ha urlato contro perché non si è invece dato da fare per separare i ragazzi.

UN PUGNO IN FACCIA E POI IL CALCIO ALLA TESTA

Nelle immagini, piuttosto crude, si vedono una decina di persone affrontarsi e attaccare briga. Uno di loro, la vittima – ma che fino a pochi istanti prima era anche lui parte attiva nella rissa – all'improvviso riceve un pugno in faccia e cade a terra. A quel punto si vede un altro ragazzo tirargli un violento calcio alla testa. Il giovane perde immediatamente conoscenza, mentre altri urlano e cercano di sollevarlo, senza riuscire a rianimarlo. La polizia locale, arrivata sul posto e sentiti i testimoni, ha deciso di arrestare per il momento soltanto i quattro italiani, tutti tra i 22 e i 30 anni. Anche se le responsabilità e la dinamica precisa dell'accaduto sono ancora tutte da ricostruire.

DUE ARRESATI SAREBBERO ORIGINARI DELLA CAMPANIA

Almeno due delle persone arrestate sono originarie della Campania. I giovani sono stati tutti trasferiti alla stazione della polizia nazionale di San Fernando, da dove sono stati portati in tribunale per comparire davanti al giudice. Bisognerà aspettare di vedere come evolveranno le condizioni dello spagnolo per determinare se al giovane che ha dato il calcio sarà imputato di lesioni o di tentato omicidio. Per il momento il ragazzo è ricoverato all'ospedale di Puerta del Mar, sedato e in prognosi riservata. Le prossime 48 ore saranno fondamentali per determinare se potrà recuperare del tutto o se ci saranno conseguenze per il danno subìto. L'episodio riporta alla mente un'altra drammatica vicenda avvenuta sempre in Spagna: il pestaggio avvenuto nell'agosto 2017 in una discoteca nella località turistica di Lloret de Mar, in Costa Brava, in cui morì un giovane italiano di 22 anni, Niccolò Ciatti, di Scandicci. In quell'occasione tre russi vennero indagati per omicidio. Il giovane morì sotto i colpi di una scazzottata, forse alimentata da alcol e droghe. Anche allora l'aggressione fu ripresa in un video che fece il giro del web creando sconcerto, con il ragazzo preso a calci mentre era già a terra e nessuno tra le decine di giovani presenti che interveniva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *