Bruxelles

Bruxelles è la capitale del Belgio e la sede delle principali istituzioni dell’Unione europea. La città ospita infatti gli uffici della Commissione europea e del Consiglio dell’Unione europea e ospita il Parlamento europeo. Il Trattato di Fusione il 1° luglio 1967 stabilì una doppia sede per quest’ultimo organismo, che però è ufficialmente basato a Strasburgo, in Francia. A Evere, alle porte di Bruxelles, ha i suoi uffici anche il quartier generale della NATO. L’area urbana della capitale belga conta 2,6 milioni di abitanti.

DAI DUCHI DI BRABANTE ALLE INVASIONI TEDESCHE

Il nome di Bruxelles deriva dall’antico termine fiammingo “Bruocsella”, che significa “casa nella palude”. Il primo nucleo della città sorse nel VI secolo per iniziativa del vescovo di Cambrai, che voleva un punto di collegamento strategico tra le città di Colonia e Bruges. Bruxelles divenne successivamente residenza dei duchi di Brabante, acquisendo così rilevanza europea. Nel 1477 divenne capitale dei Paesi Bassi austriaci ma nel 1695 venne bombardata dal re di Francia Luigi XIV durante la Guerra della Grande Alleanza. Con il Trattato di Aquisgrana del 1748 Bruxelles passò poi sotto il controllo dell’Impero d’Austria. Dopo l’occupazione napoleonica e 15 anni di amministrazione da parte dell’Olanda, nel 1830 il Belgio raggiunse l’indipendenza e pose Bruxelles come capitale del regno e residenza dei re. La città venne invasa dalle truppe tedesche per due volte, nel 1914 durante la Prima guerra mondiale e nel 1940 nel corso dei combattimenti della Seconda guerra mondiale. Bruxelles è anche tristemente celebre per la strage dello stadio Heysel il 29 maggio 1985, che causò la morte di 39 tifosi (di cui 32 italiani) prima della finale di Champions League tra Juventus e Liverpool. La capitale belga fu poi colpita da due attentati il 22 marzo 2016: esplosero tre bombe all’aeroporto internazionale di Zaventem e alla fermata della metropolitana di Maelbeek, provocando 35 morti.

LA SCELTA DI BRUXELLES COME “CAPITALE” DELL’UNIONE EUROPEA

Quando nel 1957 venne istituita la Comunità Economica Europea (Cee), Bruxelles venne scelta come sede delle principali istituzioni per due ragioni principali. La prima fu la multietnicità della sua popolazione, che la rendeva modello di coesistenza tra diverse culture, esattamente come sarebbe dovuta essere l’Unione Europea. La seconda fu la posizione del Belgio, situato tra Francia e Germania, le due principali potenze dell’Unione, e con ottimi collegamenti con le altre capitali europee, incarnando un ideale di stabilità e neutralità.