Nato

La Nato (Organizzazione del trattato dell’atlantico del nord) è un’organizzazione internazionale nata a Washington nel 1949 che ha come scopo la collaborazione nel settore della difesa; un’alleanza di natura difensiva di cui fanno parte, attualmente, 29 Stati. La sua sede è Bruxelles

ORIGINE DELLA NATO

La Nato ha avuto origine nell’immediato dopoguerra dal timore del mondo occidentale di possibili mire espansioniste dell’Unione Sovietica. A una settimana dall’ingresso della Germania Ovest nella coalizione, nel 1955, il blocco comunista ha risposto costituendo il patto di Varsavia e sancendo l’inizio di quel periodo di tensione tra Occidente e Oriente conosciuto come “guerra fredda”.

IL CONCETTO DI DIFESA COLLETTIVA

Alla base della Nato c’è il concetto di difesa collettiva, riassunto nell’articolo 5 del Patto atlantico, il suo documento costitutivo: all’interno di esso viene stabilito che l’attacco armato a uno qualunque dei Paesi aderenti alla coalizione equivale a una dichiarazione di guerra contro la coalizione stessa e impegna, di conseguenza, il resto di essa a intervenire.

LA NATO DOPO LA FINE DELLA GUERRA FREDDA

Con la caduta del muro di Berlino e la fine della Guerra fredda la Nato ha perso la sua iniziale funzione difensiva, delineandosi più come strumento di collaborazione politica e militare tra i Paesi membri. Finora, l’unica attivazione dell’articolo 5 del Patto atlantico è avvenuta dopo l’attacco alle Torri Gemelle del 2001.

I PAESI MEMBRI DELLA NATO

Al momento della sua costituzione, la Nato constava di 12 Paesi membri: Italia, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Belgio, Canada, Danimarca, Islanda, Lussemburgo, Paesi bassi, Norvegia e Portogallo. Nel corso degli anni poi, diversi altri Stati sono entrati a far parte della alleanza: Grecia e Turchia nel ’52, la Germania nel ’55, la Spagna nel ’82, la Repubblica Ceca, l’Ungheria e la Polonia nel ’99 ecc. L’ultimo Paese a entrare nell’alleanza è stato il Montenegro, nel 2017.