Tajani: «A questo punto la reazione di Israele è sproporzionata»

Redazione
13/02/2024

Secondo il ministro degli Esteri «ci sono troppe vittime che non hanno nulla a che fare con Hamas». E sulla polemica a Sanremo: «L'intervento di Mara Venier ha riportato l'equilibrio».

Tajani: «A questo punto la reazione di Israele è sproporzionata»

«A questo punto la reazione di Israele è sproporzionata, ci sono troppe vittime che non hanno nulla a che fare con Hamas». Sono le parole del ministro degli Esteri Antonio Tajani, ospite di Ping Pong su Radio1. Tajani chiede a Israele di «evitare rappresaglie contro la popolazione civile palestinese». Tornando sulla polemica tra l’ambasciatore israeliano e Sanremo, il vicepremier crede che «sia stato riportato l’equilibrio con l’intervento di Mara Venier. Non credo che ci sia genocidio, certo Israele sbaglia perché sta provocando troppe vittime civili. Bisogna puntare alla liberazione degli ostaggi e far sì che cessi la violenza degli attacchi israeliani».

Tajani su Francesca Albanese: «Capisco la reazione di Israele»

Sul divieto d’ingresso nel paese imposto da Israele alla funzionaria Onu italiana, Francesca Albanese, Tajani commenta: «Non condivido le parole di Francesca Albanese perché l’attacco di Hamas è stato un attacco militare che puntava alla caccia all’ebreo e che ha avuto risvolti disumani con violenze e profanazioni di cadaveri, cose mai viste. Non è esatto quello che dice la signora Albanese e comprendo la reazione d’Israele. Davanti ad un conflitto bisogna essere prudenti». La relatrice speciale dell’Onu aveva aveva scritto su X che le vittime del massacro perpetrato da Hamas «non sono state uccise per il loro giudaismo, ma in risposta all’oppressione israeliana».

LEGGI ANCHE: Biden: «Israele non proceda a Rafah senza un piano per i civili»