A maggio 2019 massimo storico per l’occupazione

Il tasso ha raggiunto il 59%: top da quando ci sono le serie storiche, cioè il 1977. E i senza lavoro sono calati al 9,9%, al minimo dal 2012. I dati Istat.

01 Luglio 2019 10.46
Like me!

Numeri positivi e record dal mondo del lavoro. Secondo l’Istat a maggio 2019 il tasso di disoccupazione è calato, attestandosi al 9,9%. In discesa di 0,2 punti percentuali rispetto ad aprile. Si tratta del valore più basso dal febbraio 2012. Per la prima volta da oltre sette anni il tasso di disoccupazione ha perso così la doppia cifra.

BOOM PER GLI UOMINI ULTRA 50ENNI

A maggio, dopo «la sostanziale stabilità» registrata ad aprile, la stima degli occupati è risultata in crescita rispetto al mese precedente di 67 mila unità (+0,3%). L’aumento si concentra tra gli uomini (+66 mila) e tra gli ultra 50enni (+88 mila). L’Istituto ha rilevato un rialzo degli occupati anche su base annua (+92 mila unità), soprattutto tra gli ultra 50enni (+300 mila).

AL LAVORO 23 MILIONI E 387 MILA PERSONE

Livelli mai visti prima anche per il tasso di occupazione, che a maggio è salito al 59%, il valore più alto da quando sono disponibili le serie storiche, ossia dal 1977. L’Istat ha spiegato che il numero delle persone con un impiego ha così raggiunto quota 23 milioni e 387 mila unità.

DISOCCUPAZIONE GIOVANILE SCESA AL 30,5%

Buone notizie infine sul fronte dei giovani: a maggio il tasso di disoccupazione giovanile (il dato cioè che considera la fascia d’età tra i 15 e i 24 anni) è sceso al 30,5%, in calo di 0,7 punti rispetto al mese precedente.

CONTE: «DATI INCORAGGIANTI, ANCORA TANTO DA FARE»

Dopo Salvini, in un altro tweet ha esultato il premier Giuseppe Conte: «Disoccupazione ai minimi dal 2012, occupazione al top da oltre 40 anni, dall’Istat oggi arrivano dati molto incoraggianti che ci danno fiducia. Sappiamo che c’è ancora tanto da fare, soprattutto al Sud». E, in un secondo post, il capo del governo ha aggiunto: «Con il ministro Luigi Di Maio, per esempio, siamo impegnati per il potenziamento dei centri per l’impiego e delle politiche attive del lavoro. Siamo sulla strada giusta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *