Teatro di Roma, audit interno per denuncia presentata dai lavoratori

Valentina Sammarone
12/02/2024

Le maestranze della Fondazione hanno segnalato un clima lavorativo caratterizzato da minacce, mobbing, intimidazioni e volgarità sessiste rivolte alle lavoratrici. La situazione ha suscitato l'attenzione anche dei dem, che hanno annunciato l'intenzione di presentare un'interrogazione al ministro della Cultura.

Teatro di Roma, audit interno per denuncia presentata dai lavoratori

Le maestranze della Fondazione Teatro di Roma hanno denunciato un clima lavorativo caratterizzato da minacce, mobbing, intimidazioni e volgarità sessiste rivolte alle lavoratrici. Le accuse sono state riportate dai giornali, mettendo in luce un ambiente di lavoro irrespirabile. In risposta a queste gravi accuse, il presidente del Teatro di Roma, Francesco Siciliano, ha deciso di avviare un audit interno per fare chiarezza sulla situazione. L’obiettivo è indagare approfonditamente su quanto denunciato dai lavoratori e dai sindacati, al fine di adottare le misure necessarie per affrontare e risolvere la situazione.

Minacce, sessismo e insulti al Teatro di Roma

Francesco Siciliano fa sapere all’Ansa: «Ho convocato per domani l’Organo di Vigilanza del Teatro di Roma per verificare e valutare la situazione all’interno della struttura, dopo gli articoli usciti sugli organi di informazione in questi giorni. È una iniziativa che in quanto presidente della Fondazione Teatro di Roma assumo a tutela e garanzia della Fondazione e di tutti quelli che vi lavorano». Secondo quanto riportato da un’inchiesta di Fanpage, all’interno del Teatro di Roma, che gestisce importanti spazi culturali come l’Argentina, l’India, il Torlonia e presto anche il Valle, si sarebbe diffuso un clima lavorativo estremamente problematico. L’ambiente sarebbe caratterizzato da insulti, minacce, ricatti e discriminazioni di genere. Le denunce riguardano un’atmosfera pesante e tossica che coinvolgerebbe i lavoratori dello spettacolo, mettendo in evidenza una serie di comportamenti inaccettabili. La gravità della situazione ha suscitato l’attenzione anche del Partito democratico della Camera dei deputati, che ha annunciato l’intenzione di presentare un’interrogazione al ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, per fare luce su quanto accaduto e adottare eventuali provvedimenti necessari. Anche perché questa situazione, affermano i dem, «pare essere determinata dall’atteggiamento di Libersind, un sindacato autonomo di destra che organizza tutto il comparto del cosiddetto palcoscenico».