Il Tg2 contro il Mercante in Fiera di Pino Insegno: «Bassi ascolti, è penalizzante»

Redazione
31/10/2023

I problemi di share della trasmissione penalizzerebbero anche il telegiornale secondo quanto scritto in una nota dai giornalisti dopo l'assemblea di redazione.

Il Tg2 contro il Mercante in Fiera di Pino Insegno: «Bassi ascolti, è penalizzante»

Anche il Tg2 se la prende con il Mercante in Fiera di Pino Insegno. L’assemblea del telegiornale di Rai2 si è riunita lunedì 30 ottobre e ha prodotto una nota in cui si cita, senza nominarlo, il programma del conduttore, alle prese con problemi di share. Nel documento la redazione ha denunciato la carenza di organico. Ma poi ha sottolineato la propria «severa» preoccupazione «per i risultati di ascolto del programma che precede l’edizione delle 20.30», una situazione definita «penalizzante». E ancora: «Ricordiamo che proprio il Tg2 e le sue rubriche sono da sempre stabilmente al di sopra dello share di rete».

LEGGI ANCHEPino Insegno e gli ospiti vip non fanno decollare il Mercate in fiera: lo share resta basso

La carenza d’organico ricordata nella nota

Nel corpo centrale del documento, i giornalisti hanno poi denunciato «la grave carenza di organico che affligge la testata e che rende di difficile applicazione il piano editoriale del direttore Antonio Preziosi, pur condiviso e votato dalla maggioranza del corpo redazionale. Conferma il sostegno alla battaglia comune con la Direzione per il ripristino dell’organico, sceso drasticamente negli ultimi anni. Una situazione che crea enormi disagi nell’organizzazione del lavoro, la seria difficoltà a coprire i turni redazionali e la necessità per molti colleghi di rinunciare a ferie e riposi per chiudere gli orari di servizio».

Il mancato speciale del 7 ottobre

E come spiega Open, ci sarebbe anche un’altra questione. L’assemblea ha ricordato con amarezza, infatti, «la decisione dell’azienda di non affidare alla testata la realizzazione dello speciale pomeridiano del 7 ottobre sull’attacco terroristico di Hamas». E infine i giornalisti, che hanno espresso soddisfazione per le nomine di quattro nuovi caporedattori, chiedono «all’Azienda soluzioni concrete e tempestive in assenza delle quali valuterà le azioni da intraprendere».