Thailandia, condivide articolo sul re: studente condannato a 30 mesi di carcere

Redazione
16/08/2017

Un attivista studentesco thailandese è stato condannato il 15 agosto a due anni e mezzo di reclusione per il reato...

Thailandia, condivide articolo sul re: studente condannato a 30 mesi di carcere

Un attivista studentesco thailandese è stato condannato il 15 agosto a due anni e mezzo di reclusione per il reato di lesa maestà. La sua colpa? Aver condiviso su internet un articolo biografico sul nuovo re Vajiralongkorn, pubblicato dall'edizione thailandese della Bbc e rilanciato su Facebook da circa 2 mila persone.

LA PENA ORIGINARIA ERA DI 5 ANNI. La notizia è stata diffusa dal sito web iLaw, che monitora casi giudiziari di questo tipo nel Paese asiatico. Jatupat 'Pai Pao Din' Booyapatraksa, 26 anni, è stato giudicato colpevole da una corte di Khon Kaen, nel nordest della Thailandia. La pena, originariamente di cinque anni, è stata dimezzata in seguito all'ammissione di colpevolezza dell'imputato, come spesso succede nei procedimenti per lesa maestà.

AVEVA ORGANIZZATO PROTESTE CONTRO LA GIUNTA MILITARE. Il ragazzo, che era stato arrestato lo scorso dicembre e a cui era stato sempre negato il rilascio su cauzione, è membro di un gruppo studentesco che tre anni fa aveva organizzato delle proteste pacifiche contro la giunta militare salita al potere con il golpe del maggio 2014. Pochi mesi fa, un'organizzazione sudcoreana per i diritti umani gli aveva conferito un riconoscimento.

IL RE ASSENTE. Vajiralongkorn, 65 anni, è succeduto al padre Bhumibol dopo la morte di quest'ultimo lo scorso ottobre. Al contrario del padre, rimasto sul trono per 70 anni e venerato come un semidio in Thailandia, il nuovo sovrano non gode della stessa autorità morale, ha alle spalle tre divorzi e trascorre gran parte del suo tempo in una villa privata in Germania.