TikTok lancia i test di AI Song, funzione per creare musica con l’IA

Fabrizio Grasso
19/01/2024

Sfruttando un modello linguistico LLM, lo strumento permette di generare brani dal testo dei post in più generi. Ancora in fase di sperimentazione, non ha soddisfatto gli utenti che lamentano molti difetti, dall’intonazione della voce al sound.

TikTok lancia i test di AI Song, funzione per creare musica con l’IA

TikTok al lavoro su un nuovo strumento che sfrutterà l’intelligenza artificiale. La piattaforma social gestita da ByteDance ha avviato una serie di test per AI Song, funzione che permetterà a tutti gli utenti di generare canzoni partendo dal testo dei post. Sfruttando un modello linguistico di grandi dimensioni o LLM, come GPT-4 di OpenAI per il suo personale chatbot, l’IA sarà in grado di assegnare una melodia di vario genere a strofe, racconti o semplici temi di partenza creando così un vero e propri brano musicale. Già disponibile, come ha sottolineato The Verge, per alcuni utenti, non ha ancora fornito risultati soddisfacenti. Chi infatti ha provato lo strumento ha sottolineato difetti nell’intonazione della voce e nel sound, che risulterebbero poco credibili all’ascolto.

LEGGI ANCHE: Su TikTok gli utenti hanno speso 10 miliardi di dollari nel 2023

AI Song, come funziona lo strumento di TikTok con l’intelligenza artificiale

In attesa di una distribuzione più ampia dello strumento IA, Dataconomy ha già fornito importanti dettagli sul suo funzionamento. Per iniziare, ciascun utente deve scrivere un testo sul proprio account, seguendo il procedimento per la pubblicazione di un comune post sulla piattaforma. Può trattarsi di una vera e propria strofa o del ritornello della traccia che intende creare oppure del tema generale su cui basare la canzone. A questo punto entra in azione AI Song, che sfrutta il modello linguistico di grandi dimensioni Bloom, un open source gratuito in grado di lavorare in 46 lingue differenti e 13 linguaggi di programmazione. È progettato infatti per comprendere e generare contenuti in base a un input, interpretando le istruzioni testuali di un utente e assegnando loro un elemento musicale corrispondente.

TikTok ha iniziato i test di AI Song. Sfruttando l'intelligenza artificiale, consentirà di creare canzoni dal testo dei post. Come funziona.
L’app di TikTok sul display di uno smartphone (Getty Images).

Una volta inserito il testo, quindi, la stessa app di TikTok suggerisce la funzione AI Song per aggiungere così un accompagnamento sonoro alle parole. Ciascun utente può selezionare diversi generi, personalizzando la traccia in base ai propri gusti. Le anticipazioni sottolineano la possibilità di creare canzoni rock oppure pop, fino ad arrivare all’hip hop e all’elettronica con un’ampia gamma di opzioni. A questo punto basta pubblicare il contenuto e il gioco è fatto, naturalmente etichettando il brano per facilitare l’identificazione da parte della community. I primi test tuttavia hanno portato a risultati contrastanti. Mentre alcuni user hanno espresso parziale soddisfazione, altri hanno sottolineato carenze nel sound e soprattutto nella voce digitale, in più casi stonata o inattendibile.

Le canzoni virali che fanno arrabbiare gli artisti

L’incontro fra la musica e l’intelligenza artificiale non rappresenta tuttavia una novità su TikTok. Sebbene sfruttando altri software esterni, diversi utenti hanno già pubblicato sul social network di ByteDance vari brani realizzati sfruttando l’IA. Virale Heart On My Sleeve con le voci di Drake e The Weeknd, poi rimossa su richiesta da parte degli stessi artisti per violazione di copyright. L’ultima vittima è stato Bad Bunny nel mese di novembre quando NostalgIA, traccia che già nel nome contiene un riferimento all’intelligenza artificiale, sfruttò la clonazione della sua voce accanto a quelle di Justin Bieber e Daddy Yankee. Immediata la reazione dell’artista, che sul suo canale WhatsApp ha chiesto a chiunque abbia apprezzato il singolo di abbandonare immediatamente la chat. «Non meritate di essere miei amici», ha scritto il cantante. «Non vi voglio ai miei tour».