SuperTim, prove di intesa (stoppate) tra Bassanini e Gubitosi

I due manager intendevano spartirsi la governance della società che dovrebbe nascere unendo le reti in banda larga di OpenFiber e dell'ex monopolista della telefonia. Cdp ed Enel hanno fatto muro. Ma Bassanini smentisce.

06 Giugno 2019 09.50
Like me!

Avevano preparato tutto con la massima discrezione, perché nulla trapelasse. E invece agli occhi indiscreti di Corridoi non è sfuggita la colazione di lavoro avvenuta il 4 giugno tra il presidente di Open Fiber, il vispissimo Franco Bassanini, e l’ad di Tim Luigi Gubitosi.

SUL TAVOLO LA FUTURA GOVERNANCE DELLA SOCIETÀ

Un incontro talmente riservato che nemmeno i vertici operativi della società controllata da Enel e Cdp, ovvero l’ad di Oper Fiber Elisabetta Ripa e quello del colosso elettrico Francesco Starace, ne erano stati informati.
Nel corso della riunione Gubitosi e Bassanini hanno messo sul tavolo il tema della futura governance di “SuperTim” la società che dovrebbe nascere unendo le reti in banda larga dei due gruppi, provando a immaginare un organigramma che vedrebbe Bassanini alla presidenza e Gubitosi nel ruolo di amministratore delegato.

LEGGI ANCHE: L’ex capo del Dis Pansa presidente di Telecom Italia Sparkle

IL MURO DI CDP ED ENEL

Ma l’ipotetica spartizione è rimasta sulla carta, perché Cassa Depositi e Prestiti ed Enel (Starace non ha mai fatto mistero di non gradire l’accrocchio con Tim sulla rete), venuti a conoscenza, hanno fatto muro.
I francesi in particolare, ma anche agli azionisti di maggioranza di Tim, il fondo americano Elliott, hanno mostrato qualche malumore sul valzer di manager che continua ad agitare i piani alti dell’ex monopolista dei telefoni. Dopo la rimozione da direttore finanziario di Piergiorgio Peluso, ora infatti si preannuncia lo spostamento di Federico Rigoni, da poco più di un mese capo acquisti di Tim, che andrà a prendere il posto di Elisabetta Romano, capo della tecnologia. Al posto di Rigoni è previsto vada un altro fedelissimo di Gubitosi, Roberto Funari, ex manager Wind, ora consulente in Huawei.

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

LA REPLICA DI BASSANINI

Con riferimento a quanto pubblicato da Lettera43, il professor Franco Bassanini, presidente di Open Fiber, ha dichiarato: «Contrariamente a quanto affermato da Lettera43, lo scorso 4 giugno non avevo in programma e non ho avuto alcun  incontro con il dott. Gubitosi. Ad evitare ulteriori fake news, aggiungo che neppure l’ho sentito per telefono. Ribadisco di essere pienamente impegnato nel lavoro per l’attuazione del piano industriale di Open Fiber, che ha un valore strategico per l’ammodernamento del Paese».

Prendiamo atto della smentita del dottor Bassanini, evidentemente quello che è stato visto entrare nella casa romana di un noto consulente di una banca d’affari milanese era un sosia.

Con riferimento a quanto pubblicato da Lettera43, il professor Franco Bassanini dichiara: «Trovo tutto ciò francamente insopportabile e se non si trattasse di un tema sensibile farei volentieri a meno di alimentare questo inutile scambio. Ovviamente spesso mi capita di incontrare banche d’affari e società di consulenza (qualcuno anche advisor di società che presiedo) e qualche volta anche presso i loro uffici. Ma non il 4 giugno o nei giorni immediatamente precedenti e successivi. E soprattutto: non ho incontrato il dottor Gubitosi negli uffici di una banca d’affari o di una società di consulenza né il 4 giugno né in altra data. Mi auguro che questo ponga fine alla pubblicazione di fake news, altrimenti dovrei considerare altre vie per tutelare la mia persona».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 1

  1. Certo per Rigoni un bello smacco avere un capo napoletano visto che odia i terroni e li ha sempre sfruttati …direi che saranno le prove generali per vedere quando il manager veneto riesce a strozzare un Babbà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *