Titan, è corsa contro il tempo: l’ossigeno nel sottomarino è finito

Redazione
22/06/2023

Le speranze di recuperare vivi i cinque passeggeri sono al lumicino. A bordo anche l'ad della OceanGate Expedition, la cui moglie è una lontana parente di due vittime del Titanic.

Titan, è corsa contro il tempo: l’ossigeno nel sottomarino è finito

Il tempo è scaduto. Secondo le stime della Guardia costiera Usa all’interno del Titan, il sottomarino scomparso durante un’immersione per raggiungere il relitto del Titanic, l’ossigeno è terminato. Le speranze di recuperare vivi i cinque passeggeri sono quindi vicine allo zero.

Le ricerche si concentrano in un’area di 26 mila km quadrati

Ieri, mercoledì 21 giugno, un aereo canadese aveva captato rumori dal fondale, una speranza che però si era spenta immediatamente. Nell’area delle ricerche, a 600 km al largo dell’isola di Terranova, si sono intensificati i soccorsi con navi, aerei e robot. A guidare le operazioni è il rimorchiatore Polar Prince, lo stesso che aveva portato il Titan nel luogo della discesa verso il relitto del celebre transatlantico a 3800 metri di profondità. Per dare l’idea delle difficoltà delle ricerche basta considerare che il Titan è lungo sette metri ed è disperso in un’area di 26 mila km quadrati per circa 4 km di profondità. In caso poi il piccolo sottomarino fosse individuato, il problema sarebbe poi recuperarlo e riportarlo in superficie. Un’operazione che richiederebbe ulteriore tempo. Proprio quello che manca ai passeggeri.

I Rush e la ‘maledizione’ del Titanic

A bordo si trovano il miliardario ed esploratore inglese Hamish Harding, il businessman inglese di origini pakistane Shahzada Dawood e suo figlio Suleman di appena 19 anni,  l’esploratore francese esperto del Titanic Paul-Henri Nargeolet, e Stockton Rush, ad della OceanGate Expedition, la compagnia che ha organizzato il viaggio ed è proprietaria del sottomarino. Ironia della sorte, la moglie di Rush è figlia di un pronipote di Isidor e Ida Straus, passeggeri di prima classe del transatlantico affondato nel 1912 dopo l’impatto con un iceberg. La coppia però non salì sulle scialuppe di salvataggio e scomparve nell’oceano. Isidor, infatti, cedette il suo posto a bordo a donne e bambini e sua moglie Ida non lo lasciò solo.