La Mantide della Brianza condannata a 16 anni e cinque mesi per aver circuito e rapinato nove uomini

Redazione
07/12/2023

La 48enne Tiziana Morandi, per il Tribunale di Monza, li ha contattati sui social, narcotizzati e derubati. La condanna prevede anche una multa di 11 mila euro e tre mesi di libertà vigilata a fine pena. Gli avvocati sono pronti a presentare ricorso in appello.

La Mantide della Brianza condannata a 16 anni e cinque mesi per aver circuito e rapinato nove uomini

Tiziana Morandi, soprannominata la Mantide della Brianza, è stata condannata a 16 anni e cinque mesi. La decisione è stata presa dal Tribunale di Monza, che l’ha dichiarata colpevole di aver circuito e narcotizzato nove uomini, per poi rapinarli. La Procura di Monza, l’11 ottobre 2023, aveva chiesto 15 anni di carcere. Gli avvocati della difesa sono pronti a presentare ricorso in appello. La condanna prevede anche una multa di 11 mila euro e tre anni di libertà vigilata non appena Morandi avrà espiato la pena. L’imputata «ha incassato la sentenza senza battere ciglio, anzi con un sorriso al suo difensore, pensando forse all’eventuale processo d’appello», secondo quanto riportato dal Corriere della Sera.

Morandi ha narcotizzato e rapinato nove uomini

Tiziana Morandi è attualmente detenuta nel carcere di San Vittore, a Milano, dove si trova dalla fine di luglio 2022. La 48enne è stata arrestata per fatti che risalgono all’estate del 2021. Secondo l’accusa, la donna ha attirato le sue vittime sui social o nei bar. Nei cocktail degli uomini, poi, ha versato gocce di benzodiazepine in modo tale da narcotizzarli e derubarli. A ricostruire la tecnica sono stati i pm di Monza, Carlo Cinque e Marco Santini. Le vittime sono nove, tutti uomini tra i 27 e gli 83 anni. In sua difesa, Morandi ha sempre sostenuto di essere innocente e che «quegli uomini volevano altro da me».

I capi di imputazione sono 21

Sono stati 21 i capi di imputazione contro la donna. A spiegarlo è stato il pm Carlo Cinque, che ha parlato di rapina, lesioni, procurato stato di incapacità e altri reati. Il magistrato ha dichiarato che «è stato solo un caso che nessuna delle sue vittime sia morta».