Tra deputate in fuga e lavoro in Egitto

Nico Arse
30/01/2011

E poi: gli autisti ciechi di Napoli e il Pd che cerca cinesi a Torino per le primarie.

Tra deputate in fuga
e lavoro in Egitto

Rapidi a inviare il curriculum perché il Ministero degli affari esteri ha pubblicato un annuncio di lavoro (http://host7.esteri.it/gsesp/). Cercano un «esperto a contratto da inviare in missione all’estero». Durata del contratto: 12 mesi prorogabile, requisiti di ammissione: laurea-inglese. Sede? Ehm…Il Cairo, Egitto. Il ministro degli Esteri invece, da provetto sciatore, è impegnato su fronti meno caldi, anzi diciamo proprio freddi: il week end scorso era sulle piste del Sudtirolo, il 30 gennaio è a Sestola, sull’Appennino modenese. Si consiglia di far pervenire la domanda di lavoro in busta trapuntata, tramite gatto delle nevi.

Sicilia: menu a prezzi stracciati 

Antipasto 1,21 euro, spaghetti alle vongole 1,85 euro, frittura di triglie 2,78 euro, contorno 0,93 centesimi, macedonia 1,13 euro. Pranzo completo a 9 euro. Che risparmio alla mensa dei deputati siciliani (10mila euro al mese di stipendio). L’assemblea della Regione Sicilia è riuscita nel miracolo di abbassare i prezzi già stracciati della buvette. Prima un caffè costava 40 centesimi, da qualche giorno è passato a 36, e così tutte le altre portate. I blogger siciliani si dicono “disgustati”. Strano, eppure le vongole sono freschissime.

A Napoli anche i ciechi guidano

A proposito di follie del Mezzogiorno, in un rione popolare di Napoli, il Pallonetto, sono stati scoperti 59 “non vedenti”, con assegno di invalidità, che guidavano moto, auto o vendevano biancheria al mercatino. Come non bastasse i carabinieri hanno trovato nei giorni scorsi ben 400 finti malati di mente, anche loro con vitalizio, sempre nel quartiere Pallonetto di Napoli. Dove San Gennaro dona la vista ai ciechi e la salute mentale ai pazzi.

Paese che vai usanza che trovi

Un deputato scoperto a truccare i rimborsi delle spese presentate alla Camera è stato condannato a 18 mesi di carcere. Il tribunale non gli ha concesso nemmeno la condizionale malgrado fosse incensurato. Nessuno sconto di pena né attenuante. Perché, spiega il quotidiano che ha incastrato il parlamentare, «il tribunale crede che i rappresentanti del popolo debbano essere dei modelli di comportamento, hanno una responsabilità in più rispetto ai semplici cittadini». Ah, dimenticavamo: è successo in Inghilterra.

Donne in fuga… dalla letteronza

L’effetto Bunga bunga colpisce anche le eurodeputate del Pdl. L’altro giorno Barbara Matera, bellissima bionda eletta a Strasburgo dopo molte polemiche sulle “veline” in lista (ma lei non è mai stata velina, solo letteronza di Mai dire gol) era ospite a Napoli per un convegno organizzato della Consulta regionale delle donne, con all’ordine del giorno quote rosa, legge elettorale e prevenzione. Tutte invitate le consigliere regionali e provinciali del Pdl. Ma nessuna di loro si è presentata. E allora se c’era la Minetti cosa facevano?

I dissociati di Hardcore

Sempre in tema di Hard-core, nell’ordine si sono sentiti offesi dalle feste di Arcore: l’Associazione italiana infermieri (per le ragazze travestite da crocerossine nelle festicciole), il sindacato di polizia Consap (per quelle vestite da poliziotte), gli igienisti dentali («L’Unione nazionale igienisti dentali “si dissocia da un uso strumentale della categoria che opera con dedizione e non sopporta più inesattezze o eventuali ammiccamenti sulla professione»), le donne in generale (che organizzano la rivolta su facebook). Attese a breve anche le proteste dell’associazione italiana escort e del continente africano per l’uso diffamatorio del termine “bunga bunga”.

AAA cinesi cercansi

Panico nel Pd per le primarie a Torino, si pensa a un rinvio. Non si trovano abbastanza cinesi.