Tra molotov e la Madonna

Redazione
03/10/2010

La protesta delle mamme antidiscarica è arrivata in processione fino a Pompei dove si è svolta nel pomeriggio di questa...


La protesta delle mamme antidiscarica è arrivata in processione fino a Pompei dove si è svolta nel pomeriggio di questa domenica la tradizionale celebrazione della supplica alla Madonna del Rosario.
Rappresentanze di diversi comuni vesuviani si sono mosse a piedi e in corteo da Boscoreale a Pompei, tra preghiere e inni alla Vergine. In prima fila il sindaco e le autorità religiose. Le donne indossavano magliette che recitavano slogan contro la monnezza.
La situazione igienica della zona è allo stremo e dalla prima discarica, già in funzione, escono miasmi soffocanti. Tra la popolazione c’è timore per il materiale che vi viene stoccato.
Nel frattempo si è appreso che gli agenti della Digos della questura di Napoli hanno trovato a Terzigno 12 bottiglie molotov pronte per essere utilizzate. Erano nascoste ai due lati della strada, lungo il percorso che i camion della spazzatura fanno per portare i rifiuti compattati nella discarica ricavata nell’ex cava Sari.
Proprio in quella zona nei giorni scorsi si sono verificati scontri tra la polizia e i manifestanti contrari all’apertura di una seconda discarica nell’area dell’ex cava Vitiello, nel Parco nazionale del Vesuvio.
Secondo la questura che sta indagando, chi progetta azioni violente e cerca di esasperare gli animi non ha niente a che vedere con la cittadinanza, che ha organizzato un presidio pacifico.