Traffico, allerta controesodo

Redazione
25/08/2012

Weekend difficile per gli italiani, che si destreggiano tra caldo torrido, per colpa dell’anticiclone Lucifero, e code dovute al controesodo....

Traffico, allerta controesodo

Weekend difficile per gli italiani, che si destreggiano tra caldo torrido, per colpa dell’anticiclone Lucifero, e code dovute al controesodo.
Sta proseguendo, domenica 26 agosto, il controesodo su strade e autostrade italiane. L’Anas ha informato che «i grandi rientri in città, cominciati già dalle prime ore di questa mattina, si intensificheranno a partire dal tardo pomeriggio e continueranno nella mattinata di domani. La circolazione è sostenuta anche in direzione sud, per gli spostamenti dei vacanzieri di fine agosto».
CIRCOLAZIONE INTENSA AL SUD. La sala operativa nazionale dell’Anas ha segnalato circolazione intensa in Calabria sulle strade statali 18 Tirrena Inferiore, 106 Jonica e 107 silana-crotonese che collegano le principali località turistiche della regione. Traffico intenso in Puglia sulla statale 379 in direzione di Brindisi.
AUMENTO DEL TRAFFICO. Previsto, nel tardo pomeriggio, un aumento dei volumi di traffico ai trafori del Frejus e del Monte Bianco, sulla strada statale 36 del lago di Como e dello Spluga in Lombardia, sulla E45, in Toscana e in Emilia Romagna, e sulla statale 16 Adriatica. Traffico regolare nel Lazio sul Grande Raccordo Anulare di Roma e sulla autostrada Roma-Fiumicino. Tempi di attesa nella norma agli imbarchi di Villa San Giovanni. Il bollino rosso viene confermato anche sull’autostrada A3 Salerno Reggio Calabria dalla circolazione molto intensa in direzione nord. Molti vacanzieri che rientrano dalle località turistiche della Calabria, Basilicata e Campania hanno scelto di viaggiare anche nelle ore notturne. 
TRAFFICO INTENSO. Traffico molto intenso sin dalle prime ore di sabato 25 agosto sull’intera rete stradale e autostradale italiana, a conferma del bollino rosso annunciato dall’Anas.
Le principali direttrici di questo secondo fine sttimana di rientro sono soprattutto l’A14 Bologna-Taranto e l’A1 Milano-Napoli, in direzione Nord. Per questo la società autostrade consiglia, a chi fosse diretto verso Nord da Puglia, Molise e Abruzzo, di posticipare le partenze al tardo pomeriggio o in serata, per evitare l’incolonnamento a causa di «flussi di traffico molto elevati».
EMILIA, ROMAGNA, SORVEGLIATA SPECIALE. Diverse le aree sottoposte a particolare sorveglianza per la possibilità di code e incolonnamenti: oltre all’Emilia Romagna, dove i maggiori afflussi si registreranno probabilmente tra Cattolica e Bologna, tra le le aree dove si prevedono i maggiori nodi figurano Liguria, Friuli Venezia Giulia, soprattutto all’altezza dei valichi di Udine e Trieste, l’A4 tra il Veneto e la Lombardia, la Roma-Napoli e parte della A3 e infine la Puglia sulla A14 tra Foggia e Bari.
L’Anas ricorda che sono in funzione i nuovi rilevatori della velocità media e istantanea sulle strade statali «Vergilius», gestiti dalla polizia stradale nel Lazio sulla strada statale 1 «Aurelia», in Campania sulla strada statale 7quater «Domitiana» e in Emilia Romagna sulla strada statale 309 «Romea». Il limite di velocità consentito in questi tratti è di 90 km/h.
STOP AI MEZZI PESANTI. Si ricorda inoltre che i mezzi pesanti non potranno circolare fino alle 23 del 25 agosto e tra le 7 e le 24 di domenica 26.
Per assicurare la massima fluidità della circolazione sono stati inoltre rimossi tutti i cantieri di lavoro.
Se il traffico non mollerà la presa almeno fino a lunedì 27, almeno il caldo afoso dovrebbe concedere una tregua. 
PERTURBAZIONE IN ARRIVO. La perturbazione in arrivo colpirà soprattutto il Nord, Toscana e Lazio. In particolare, saranno Alpi, Triveneto e Lombardia le regioni maggiormente coinvolte dal peggioramento. Si ipotizzano anche locali nubifragi, con forti grandinate e accumuli anche superiori ai 50mm in poco più di un’ora. Qualche temporale di moderata entità anche in Liguria, essenzialmente tra le province di Genova e La Spezia.
Il calo delle temperature sarà moderato, mediamente di 3-5 gradi e i venti asciutti di maestrale daranno una percezione di frescura maggiore. Ma la bolla di calore dovrebbe tornare, per dare il suo ultimo colpo di coda, dal 27 agosto. Le temperature subiranno un nuovo aumento. Il picco è previsto al Sud tra giovedì 30 e venerdì 31 agosto, con punte di 36/38 gradi.