Trèbes, fermato un diciassettenne

Redazione
24/03/2018

C'è un riferimento all'Isis nella lettera-testamento trovata dai gendarmi francesi nella casa dell'attentatore Redouane Lakdim, responsabile dell'uccisione di quattro persone...

Trèbes, fermato un diciassettenne

C'è un riferimento all'Isis nella lettera-testamento trovata dai gendarmi francesi nella casa dell'attentatore Redouane Lakdim, responsabile dell'uccisione di quattro persone venerdì 23 marzo in Francia, una a Carcassone e le altre tre (due ostaggi più il colonnello Arnauld Beltrame, morto nella notte) nel vicino Super U di Trèbes. La notizia è stata riferita dalla tv Lci che parla di «una lettera-testamento manoscritta» nella quale Redouane Lakdim «fa allusione all'organizzazione dello stato islamico».

FERMATO UN AMICO. Intanto un minorenne amico di Redouane Lakdim è stato posto in stato di fermo, secondo quanto rivelano fonti vicine all'inchiesta citate da Bfm-Tv. Nato nel 2000, il ragazzo è stato fermato nella notte del 23 ottobre ed è sospettato di associazione terrorista: secondo le leggi in vigore in Francia, quindi, il fermo può durare 96 ore contro le normali 24-48.

GOVERNO: IMPEGNO CONTRO ISIS. «La lotta contro l'Isis continuerà senza debolezze, con forza e determinazione» ha scritto la ministra francese della Difesa, Florence Parly, in una nota in cui sottolinea che l'esercito «è pienamente impegnato» per sconfiggere i terroristi dello Stato islamico, in Medio Oriente, nel Sahel ma «anche sul nostro territorio al fianco della gendarmeria e della polizia». Quindi l'omaggio «all'eroismo del tenente-colonnello Arnaud Beltrame che ha condotto la sua missione fino al sacrificio supremo».

[mupvideo idp=”5757527347001″ vid=””]