La polemica su Tria e il «riassorbimento» degli 80 euro

Secondo il ministro la misura voluta da Renzi è stata fatta «tecnicamente male». Insorge il Pd: «Tolgono soldi agli italiani». Il Mef cerca di calmare le acque.

21 Maggio 2019 14.33
Like me!

«Nell'ambito di una riforma fiscale gli 80 euro vengono riassorbiti. Tecnicamente è stata una decisione sbagliata, risultano come spese e non come un prelievo. Inoltre tecnicamente è stato un provvedimento fatto male», ha detto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria parlando ad Agorà degli 80 euro che – ha ricordato – sono stati adottati dall'ex premier Matteo Renzi prima delle precedenti elezioni europee, nel 2014.

Immediata la polemica, in particolare dal Pd, che ha accusato il governo di voler eliminare una misura che porta soldi direttamente nella busta paga degli italiani per finanziare le misure su cui l'esecutivo fatica a trovare le coperture.

LA PRECISAZIONE DEL MEF SUGLI 80 EURO

Poche ore dopo la dichiarazione di Tria, il dicastero dell'Economia e delle Finanze ha voluto precisare che il ministro «non ha mai parlato di taglio degli 80 euro, ma piuttosto di un possibile loro riassorbimento nell'ambito di una futura revisione del prelievo fiscale». «In ogni caso è chiaro», prosegue la nota, «che dalla revisione del prelievo fiscale nessuno uscirà penalizzato». Resta da capire cosa intende il Mef per «riassorbimento» e quanto si discosterebbe da un taglio. Quel che è certo è che da mesi nel governo si cerca di far tornare i conti, in particolare per far partire la misura-bandiera della Lega: la flat tax. E recuperare i 9,4 miliardi di euro l'anno che gli 80 euro costano alle casse dello Stato andando ad attaccare una misura introdotta dal nemico comune Renzi potrebbe essere una soluzione per i giallo-verdi.

LE REAZIONI DEL PD

«Ecco che pensa il ministro Tria degli 80 euro per 10 milioni di lavoratori introdotti dal governo Renzi nel 2014. 'Sbagliati'. È così che definisce la più grande redistribuzione salariale mai fatta in Italia. La verità è che non trovano soldi per i loro provvedimenti spot e così incassano togliendo a chi già ha. Come hanno fatto per la finta quota 100, che ha mandato in pensione pochi lavoratori bloccando adeguamenti Istat a chi già era pensionato e creando un enorme debito per chi in pensione ci deve ancora andare. Dei veri cialtroni», ha scritto su Facebook il Vice Presidente Pd della Camera, Ettore Rosato.

Ecco che pensa il Ministro Tria degli 80 euro per 10 milioni di lavoratori introdotti dal governo Renzi nel 2014….

Geplaatst door Ettore Rosato op Dinsdag 21 mei 2019

«Il ministro Tria sostiene che gli 80 euro a 10 milioni di lavoratori sotto i 1.400 euro al mese di stipendio si possono cancellare per fare la Flat tax a vantaggio dei ricchi. Si preparano a togliere ai redditi medio-bassi per avvantaggiare i redditi alti: è il governo dei Robin Hood al contrario», ha scritto l'ex segretario e deputato del Partito democratico Maurizio Martina in un post su Facebook.

Il ministro Tria sostiene che gli 80 euro a 10 milioni di lavoratori sotto i 1400 euro al mese di stipendio si possono…

Geplaatst door Maurizio Martina op Dinsdag 21 mei 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *