Truffa ad assicurazioni, tre in manette

Redazione
06/12/2010

Un’attività di riciclaggio di veicoli rubati e di truffe ai danni di compagnie assicurative per un ammontare di 100mila euro...

Truffa ad assicurazioni, tre in manette

Un’attività di riciclaggio di veicoli rubati e di truffe ai danni di compagnie assicurative per un ammontare di 100mila euro è stata scoperta dalla Polizia stradale di Palermo. Tre persone sono state arrestate, Domenico Caviglia, 41 anni, pregiudicato, Massimiliano Riccobono, 39 anni, e Ignazio Amato, 51 anni, titolare della “Fanale”, e altre 20 denunciate a piede libero. Sono state sequestrate l’agenzia di disbrigo pratiche automobilistiche “Fanale” di Palermo, con sede in via Diaz, e la rivendita di auto nuove e usate “Automarket” di Canicattì, oltre a 16 “quad”, le moto a quattro ruote, e abtre ciclomotori, tutti mezzi rubati e del valore complessivo di 120 mila euro, e a 55 certificati di circolazione falsi.
Secondo l’’indagine, il meccanismo della truffa era basato su certificati di idoneità tecnica per ciclomotori falsi, che venivano utilizzati per immatricolare quadricicli rubati o inesistenti. Per ogni veicolo veniva utilizzato un certificato contraffatto e in tale modo venivano immatricolari anche mezzi inesistiti, dei successivamente si denunciava il furto per intascare il premio assicurativo. In altri casi i documenti falsi servivano a immatricolare veicoli oggetto di furto, che venivano così riciclati dopo aver alterato il numero di telaio.