Andrea Prada Bianchi

Il sistema di regali dalle società di diamanti alle banche

Il sistema di regali dalle società di diamanti alle banche

20 Febbraio 2019 16.57
Like me!

Continuano a emergere particolari sulla presunta maxi truffa di diamanti dal valore gonfiato su cui sta indagando la Procura di Milano. Sotto la lente dei magistrati, i collegamenti tra le società che vendevano diamanti (la Idb e la Dpi) e le banche che offrivano ai loro clienti i preziosi. Secondo il decreto di sequestro preventivo eseguito firmato dal Gip Natalia Imarisio, sia la Idb che la Dpi offrivano regali ai manager delle banche per stringere il più possibile i rapporti. I «benefit personali riconosciuti ai dirigenti più alti», sostengono i pm, erano per le banche uno dei principali incentivi a dedicarsi alla vendita dei diamanti.

L'IDB E I REGALI AI VERTICI BPM E UNICREDIT

La Idb, in particolare, avrebbe fatto «una serie di regali ai vertici del Banco Bpm e di Unicredit», nonostante «negli accordi si prevedesse espressamente» che nessun dipendente della banca potesse riceverli. E in particolare il dg del Banco Bpm, Maurizio Faroni, avrebbe ricevuto anche «regali archeologici», ossia «oggetti di archeologia». Gli investigatori hanno quantificato in circa 99 mila euro i regali che «la società ha fatto ai vertici delle banche», compresi anche «soggiorni presso strutture alberghiere». Sono stati rintracciati file chiamati "lista regali natale" e "regali archeologici 2016" con accanto i nomi dei destinatari. La società avrebbe erogato, si legge sempre negli atti, anche «voucher regalo» del valore di 845-950 euro «cadauno». Nel decreto si legge ancora che «le commissioni connesse alla vendita dei diamanti da investimento da parte del Banco Bpm, in ragione dei vari accordi di collaborazione sottoscritti con Idb» sono passate dal 5% del 1984 al 24,5% del 2016.

DPI E IL SISTEMA DI BENEFIT CON MPS

Per quanto riguarda la Dpi, sostengono i magistrati, «non era certo estranea alla prassi delle regalie ai funzionari di banca». Dagli inquirenti è stato ritrovato un file di Mps denominato Contest segnalazione diamanti in collaborazione con Dpi, che prevede «il riconoscimento di alcuni premi (non cumulabili) in favore dei funzionari di banca (private banker e responsabili di centro), al raggiungimento di un gate di diamanti effettivamente collocati nel secondo semestre 2016». Dopo cinque segnalazioni di diamanti collocati, per il funzionario era previsto un paio di orecchini con diamanti da 0,20 carati dal valore di 250 euro; dopo10 segnalazioni, uno smartphone del valore di 800 euro; dopo 15 segnalazioni, un paio di orecchini con diamanti da 0,40 carati del valore di 900 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *