Banche, 834 truffati e rimborsati e Mps non è più sistemica

Banche, 834 truffati e rimborsati e Mps non è più sistemica

30 Novembre 2018 21.21
Like me!

Truffati, ma rimborsati: sono 854 i risparmiatori beffati dai crac delle banche che riceveranno i risarcimenti previsti dal milleproroghe dopo che il loro ricorso è stato accolto dall'Arbitro per le Controversie Finanziarie della Consob. I primi 100 hanno già incassato le somme riconosciute, per circa 2 milioni di euro. I conti li ha fatti il presidente dell'organo della Consob, Giampaolo Barbuzzi. Amare le sue parole: «scarse conoscenze finanziarie e passività degli investitori hanno concorso a creare un humus ideale per comportamenti scorretti, supportati da set informativi suggestivi ma anche decettivi». Oggi scadeva il termine entro cui le pronunce dell'Arbitro consentono ai risparmiatori travolti dai default delle Banche venete, o degli istituti in risoluzione dal novembre 2015 (come Popolare dell'Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara) di accedere al fondo previsto dal milleproroghe.

ACCOLTO L'87,5% DEI RICORSI ALLA CONSOB

Degli 854 ricorsi accolti (su 976, cioè l'87,5%) per 36,1 milioni di rimborsi accordati (su 44,8 milioni richiesti, cioè l'80,6%) la parte del leone spetta alla venete: tanto per fare un esempio, i ricorsi accolti per risparmiatori di Veneto Banca sono stati 249 per 14,7 milioni, per la Popolare di Vicenza 253 per 8,3 milioni. Il fondo ha una dotazione di 25 milioni. Ne consegue, visto che questi risparmiatori hanno diritto ad un ristorno del 30% dell'importo accordato dall'Arbitro (per massimi 100.000 euro a testa), che ci sono risorse sufficienti per risarcirli.

RISPARMIO TRADITO: SI ASPETTA LA CONFERMA NEL MILLEPROROGHE

L'intervento attuato con il milleproroghe, ha spiegato l'Arbitro, potrà consolidarsi ora se l'iter della legge di bilancio si concluderà confermando l'impianto dell'articolo 38, «che prevede una analoga forma di ristoro per la generalità dei risparmiatori coinvolti nelle stesse vicende». Barbuzzi ha ricordato che, pur trattandosi di misure che tutelano i singoli, hanno anche un fine «pacificatorio del sistema». Perché buona parte dei ricorsi finora arrivati all'Acf sono di casi di "risparmio tradito" legati ai crac bancari degli ultimi anni. Casi in cui spesso è emersa evidente la violazione di principi fondanti nei servizi finanziari, primo tra tutti quello di «servire al meglio l'interesse del cliente». Emblematica l'informazione data ad ignari correntisti, secondo cui un titolo non quotato «è meno rischioso» rispetto alle oscillazioni dei titoli quotati. Omettendo però precisare che titoli non quotati sono molto più difficile da vendere quando si cerca disinvestire.

LE BANCHE SISTEMICHE ITALIANE SONO UNICREDIT, INTESA E BPM, FUORI MPS

Intanto Monte dei Paschi di Siena è uscita dal ventaglio delle banche ritenute sistemiche dalla Banca d'Italia e quindi sottoposte a richieste più esose dal punto di vista della patrimonializzazione e maggiori test da parte della Bce. Per il 2019, infatti sono i gruppi bancari UniCredit, Intesa Sanpaolo e Banco BPM come istituzioni a rilevanza sistemica nazionale autorizzate in Italia. E dovranno mantenere, a regime, una riserva di capitale (buffer) pari, rispettivamente, a 1,00, 0,75 e 0,25 per cento delle proprie esposizioni complessive ponderate per il rischio, da raggiungere secondo questo regime transitorio: per Unicredit nel 2018 0,25%, nel 2019 050%, nel 2020 0,75%, nel 2021 1%, nel 2022 1%; per Intesa Sanpaolo 0,19% nel 2018, 0,38% nel 2019, 0,56% nel 2020, 0,75% nel 2021, 0,75% nel 2022; per Banco Bpm 0,00% nel 2018, nel 2019 0,06%, nel 2020 0,13%, nel 2021 0,19%, nel 2022, 0,25. Monte dei Paschi di Siena non dovrà mantenere alcuna riserva di capitale maggiore a partire dal primo gennaio 201. La decisione è stata assunta recependo la direttiva Ue del 2013 ed esplicita i criteri su cui si basa la metodologia per individuare le O-SII (organizzazioni finanziarie sistemiche). Sulla base dei dati riferiti al 31 dicembre 2017, il punteggio complessivo che indica la rilevanza sistemica a livello nazionale di UniCredit, Intesa Sanpaolo e Banco Bpm supera la soglia di 350 punti base utilizzata dalle linee guida dell'Eba per identificare le O-SII. Il punteggio di Monte dei Paschi di Siena è sceso al di sotto della soglia, a causa della riduzione registrata in tutti i profili considerati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *