Schiaffo di Trump alla Cina: dazi per 50 miliardi

Redazione
22/03/2018

Il presidente Usa Donald Trump ha firmato alla Casa Bianca il "Section 301 action", un memorandum che ha come obiettivo...

Schiaffo di Trump alla Cina: dazi per 50 miliardi

Il presidente Usa Donald Trump ha firmato alla Casa Bianca il "Section 301 action", un memorandum che ha come obiettivo tariffe ed altre sanzioni per un valore annuo di almeno 50 miliardi di dollari contro la Cina, accusata di rubare agli Usa segreti tecnologici e commerciali, privando le società americane di ricavi per miliardi di dollari e cancellando migliaia di posti di lavoro. Le misure colpiranno le aziende cinesi in circa cento categorie commerciali e imporranno restrizioni agli investimenti cinesi negli Usa. Secondo quanto stabilito dal memorandum, tuttavia, i dazi sull'import cinese entreranno in vigore solo dopo un indefinito periodo di consultazioni. Una misura che darà a industriali e legislatori una chance per mitigare il decreto presidenziale.

PECHINO: «CI DIFENDEREMO». Trump ha detto di aver un «rispetto enorme» per il presidente cinese Xi e che vede Pechino come «un amico» ma che il deficit commerciale americano con la Cina è «troppo alto», giustificando così le contromisure commerciali. Il governo cinese ha promesso di prendere «tutte le misure necessarie per difendere gli interessi del Paese». Il ministero del Commercio assicura in una nota postata sul sito web che «la Cina non si siederà pigramente a vedere i suoi legittimi interessi danneggiati». Per questo, saranno prese «tutte le misure necessarie». Le Borse di tutto il mondo hanno sofferto per la mossa del tycoon, che si è aggiunta alla bufera su Facebook e i social network in generale. Wall Street ha accentuato il calo col Dow Jones, che è arrivato a perdere 500 punti (-1,85%). Il Nasdaq cede l'1,76% e l'indice S&P500 l'1,59%.

UE ESCLUSA DAI DAZI SU ACCIAIO E ALLUMINIO. Se con la Cina i rapporti sono sempre più delicati, con gli alleati Washington resta ancora prudente: Trump ha annunciato che gli Usa hanno cominciato negoziazioni con la Ue per abbassare le barriere commerciali. Gli Stati Uniti esenteranno per il momento Europa, Australia, Corea del Sud, Argentina e Brasile dai dazi su acciaio e alluminio, che entreranno in vigore stanotte. Lo ha detto il rappresentante al commercio Usa Robert Lighthizer: «Il presidente Donald Trump ha deciso di sospendere l'imposizione dei dazi rispetto a questi Paesi», ha detto oggi Lighthizer alla commissione Finanze del Senato.

[mupvideo idp=”5756168927001″ vid=””]