Trump contro Forbes per l’esclusione dalla lista dei più ricchi negli Usa

Fabrizio Grasso
12/10/2023

L’ex presidente americano ha chiesto le scuse ufficiali della rivista per la seconda assenza in tre anni. L’ira su Truth Social: «È gestita dal governo comunista cinese che vuole contrastarmi». Il tycoon ha perso 600 milioni di dollari in un anno proprio per colpa della sua piattaforma.

Trump contro Forbes per l’esclusione dalla lista dei più ricchi negli Usa

Donald Trump ha chiesto le scuse ufficiali di Forbes per essere stato escluso, a sua detta ingiustamente, dalla lista delle 400 persone più ricche degli Stati Uniti. È la seconda volta che accade dopo il 2021, unico precedente dagli Anni 90 in cui non era entrato in classifica. La rivista ha sottolineato come l’ex presidente Usa abbia perso 600 milioni di dollari in un anno per colpa di Truth Social, da lui fondato dopo l’espulsione da tutti i maggiori network a seguito dell’assalto al Campidoglio dei suoi sostenitori. «Pretendo le scuse complete della fallimentare rivista Forbes», ha sbottato online. «È colpa di giornalisti davvero stupidi, incaricati di colpirmi duramente». Il tycoon si è poi vantato di avere un netto vantaggio nei sondaggi repubblicani per la sua corsa alla Casa Bianca nel 2024 nonostante i processi a suo carico. Nell’elenco 2023 Trump occupa solo il 1201esimo posto della lista.

LEGGI ANCHE: Media Usa: Trump rivelò segreti sui sottomarini a un cliente

Trump contro Forbes: «Una rivista di proprietà del governo comunista cinese»

Nel suo lungo post su Truth Social, Trump si è scagliato contro la rivista Forbes e diversi giornalisti della redazione. «È di proprietà del governo comunista cinese», ha scritto online. «La Cina farà sempre di tutto per contrastare il Make America Great Again (suo slogan elettorale, ndr.)». A maggio 2023 tuttavia un imprenditore statunitense di 28 anni, Austin Russell, ha acquistato l’82 per cento delle quote, con le restanti in mano a una società di investimento di Hong Kong. Sui social, Trump ha poi accusato Forbes di aver collaborato con Letitia James, procuratrice generale democratica dello stato di New York che lo aveva citato in giudizio per frode. «È una persona razzista e incompetente», ha sbottato il tycoon.

Donald Trump ha chiesto le scuse ufficiali di Forbes per averlo escluso ingiustamente dalla lista delle 400 persone più ricche degli Usa.
Il post di Trump su Truth Social (Alexander, X).

Durante la sua invettiva contro Forbes, Donald Trump ha avuto modo di attaccare in particolare il reporter Dan Alexander, «autore di tanti articoli falsi e diffamatori». Redattore senior della rivista, nel 2020 aveva anche pubblicato il libro White House Inc: How Donald Trump Turned the Presidency into a Business. «Se vuoi sottolineare una singola fake in quello che ho scritto, fai pure», ha risposto Alexander su X. «Intanto continuerò a verificare attentamente ogni tua parola».

Da Elon Musk a Michael Bloomberg, chi sono i 10 più ricchi d’America

Secondo la classifica di Forbes «Trump Free», come l’ha simpaticamente definita il Guardian, la persona più ricca degli Usa è ancora una volta Elon Musk. Il patron di Tesla, X e SpaceX ha infatti un patrimonio da 251 miliardi di dollari, 90 in più del secondo in classifica. Sul podio infatti ci sono l’ex Ceo di Amazon Jeff Bezos (161 miliardi) e Larry Ellison, cofondatore di Oracle, con 158 miliardi. Seguono l’imprenditore Warren Buffett con 121 miliardi e tre magnati della tecnologia. In lista infatti Larry Paige di Google con 114 miliardi di dollari, il fondatore di Microsoft Bill Gates con 111 e Sergey Brin, cofondatore del colosso di Menlo Park, con 110 miliardi. Chiudono la Top 10 il Ceo di Meta Mark Zuckerberg con 106 miliardi, l’ad di Microsoft Steve Ballmer con 101 e Michael Bloomberg, il primo senza la tripla cifra, con 96,3 miliardi.

Donald Trump ha chiesto le scuse ufficiali di Forbes per averlo escluso ingiustamente dalla lista delle 400 persone più ricche degli Usa.
Elon Musk è il più ricco degli Usa secondo Forbes (Getty Images).