Cosa è emerso dall’incontro tra Trump e Xi al G20 di Osaka

Schiarita sul fronte commerciale, stop a nuovi dazi e semaforo verde a Huawei. Ecco come è andato il vertice tra i due leader.

29 Giugno 2019 13.17
Like me!

I negoziati sul commercio tra Stati Uniti e Cina possono ripartire. Il presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping hanno trovato l’intesa al G20 di Osaka, al termine del summit durato circa 80 minuti. Niente aumento dei dazi, e semaforo verde a Huawei per l’acquisto di prodotti dai fornitori americani sono gli ingredienti principali di quello che può essere definito un successo su tutta la linea.

TRUMP: «INCONTRO ECCELLENTE»

Trump ha detto di aver avuto un incontro «eccellente» con quello che ha definito «un leader brillante e un uomo brillante», probabilmente «uno dei più grandi leader cinesi degli ultimi 200 anni». Il presidente americano ha osservato che i negoziati sono «ritornati in carreggiata». Il meeting ha aumentato le speranze che le parti possano arrivare a una schiarita dei rapporti dopo un anno circa di scontri a colpi di dazi e altro tipo di misure, tra cui il bando Usa su Huawei, con il divieto di acquisto di componenti hi-tech prodotte in America da parte del colosso cinese delle tlc. Un bando che ora cade: «Le compagnie Usa possono vendere attrezzature a Huawei, lì dove non ci sono grandi problemi con la sicurezza nazionale», ha detto Trump. Il presidente americano ha aggiunto che «per il momento non ci saranno nuovi aumenti di dazi, ma ripartiranno i negoziati». In cambio, «loro spenderanno molti soldi, un enorme ammontare di soldi, per prodotti agricoli e cibo americani. Lo faranno quasi subito, già durante i negoziati».

«INSIEME QUALCOSA DI GRANDIOSO»

Nelle battute introduttive del meeting, Trump aveva detto di ritenere che Usa e Cina possano «fare qualcosa» di «veramente grandioso» lavorando insieme, a partire dal commercio. Sotto questo aspetto, «sarebbe storico» se le parti riuscissero a concludere un accordo «equo» verso il quale il tycoon si è detto pronto e aperto. Xi, invece, ha ricordato la diplomazia del ping pong, all’origine della schiarita dei rapporti diplomatici tra i due Paesi, e ha sottolineato che «la cooperazione e il dialogo sono migliori delle frizioni e dello scontro». La cooperazione è l’unica via per avere «benefici» utili a entrambe le parti. Per questo, Xi ha detto di voler cogliere l’occasione per scambiare «opinioni ampie» sui rapporti bilaterali, basate sulla «cooperazione, il coordinamento e la stabilità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *