Tumori, verso un nuovo test del sangue per scoprirli in fase precoce

Redazione
17/08/2017

Un innovativo test del sangue messo a punto dal team di Victor Velculescu della Johns Hopkins University e presentato sulla...

Tumori, verso un nuovo test del sangue per scoprirli in fase precoce

Un innovativo test del sangue messo a punto dal team di Victor Velculescu della Johns Hopkins University e presentato sulla rivista Science Translational Medicine promette di scovare tumori in fase ancora estremamente precoce e asintomatica, studiando a fondo il Dna circolante alla ricerca di qualunque mutazione riconducibile a quattro diversi tipi di cancro, i più temibili: seno, colon, polmoni e ovaie.

IL TEST È ANCORA UN PROTOTIPO. Per quanto sia ancora un prototipo si tratta di un test unico nel suo genere, perché le biopsie liquide attualmente in uso o in fase di sperimentazione sono in grado unicamente di trovare tumori in stadio più avanzato e di dire se le terapie in corso stanno facendo effetto. Il test ideato da Velculescu, invece, promette come detto di individuare tumori in fase ancora estremamente precoce e rappresenterebbe quindi una profonda innovazione in campo diagnostico.

NESSUN "FALSO POSITIVO". Il test, dopo le prime sperimentazioni, è risultato in grado di scovare in media la metà dei tumori in fase precoce e quasi tutti quelli in stadio avanzato. Inoltre non ha dato dei 'falsi positivi', ovvero non ha portato a diagnosi sbagliate laddove il tumore non c'era. «È facile trovare le mutazioni del cancro se sai già cosa stai cercando», ha spiegato lo scienziato, «per questo la nostra sfida è stata sviluppare un test del sangue che potesse predire la presenza probabile di un tumore senza conoscere in partenza le mutazioni genetiche presenti nel singolo paziente».

[mupvideo idp=”5513772036001″ vid=””]