Twitch sarebbe pronta a licenziare il 35 per cento dei dipendenti

Redazione
10/01/2024

Lo rivela Bloomberg citando fonti anonime le quali sostengono che la società, acquistata da Amazon nel 2014, abbia registrato dei risultati finanziari deludenti. Già a marzo del 2023 la piattaforma di streaming aveva lasciato a casa 400 lavoratori.

Twitch sarebbe pronta a licenziare il 35 per cento dei dipendenti

La piattaforma di streaming Twitch potrebbe licenziare il 35 per cento dei propri dipendenti, ovvero circa 500 lavoratori. Lo rivela Bloomberg citando fonti anonime, le quali riferiscono che i licenziamenti sarebbero dovuti principalmente a risultati finanziari deludenti. Già a marzo del 2023 Twitch aveva licenziato 400 dipendenti dopo che la crescita dei suoi utenti e dei ricavi non aveva soddisfatto le aspettative della dirigenza.

Negli ultimi mesi diversi dirigenti di Twitch si sono licenziati

Insieme a YouTube, Twitch è la principale piattaforma di live streaming al mondo ed è di proprietà di Amazon, che l’ha acquistata nel 2014 per quasi un miliardo di dollari. Nonostante il supporto di Amazon, gestire un sito web su larga scala che supporta 1,8 miliardi di ore di contenuti video live al mese è enormemente costoso, e il sistema di ricavi dalle pubblicità non è bastato a pareggiare i conti del bilancio. Come ricorda Bloomberg, a dicembre l’amministratore delegato di Twitch Dan Clancy ha dichiarato che la società cesserà le operazioni in Corea del Sud, dove i costi sono «proibitivi». Negli ultimi mesi del 2023, diversi alti dirigenti hanno annunciato la loro partenza, tra cui anche il chief revenue officer, che lavorava su Twitch dall’unità Ads di Amazon.

LEGGI ANCHE: Meta licenzia ancora: addio a 10 mila lavoratori