Ubi Banca punta sulla gamification per dialogare con i nativi digitali

Ubi Banca punta sulla gamification per dialogare con i nativi digitali

Il gruppo bergamasco lancia UBIverse: un’App che mette alla prova le competenze del partecipante per aiutarlo ad affrontare il mondo del lavoro.

20 Maggio 2019 15.34

Like me!

“Ubiverse: metti in gioco le tue competenze” è la nuova gaming App dell’istituto bergamasco realizzata in collaborazione con OpenKnowledge–Gruppo BIP.

Obiettivo della nuova App, in linea con la propria strategia di innovazione digitale e coerentemente con gli obiettivi di talent acquisition e di rafforzamento del posizionamento come “employer of choice” tra i nativi digitali, è costruire un “ponte digitale” verso l’esterno, rivolgendosi a studenti e a giovani lavoratori che hanno così l’opportunità di conoscere la banca da un nuovo punto di vista e ricevere, al tempo stesso, consigli utili per affrontare il mondo del lavoro e le sue prime sfide.

L’App si può installare gratuitamente sui dispositivi iOS e Android ed è scaricabile da Apple Store e Google Play Store.

Con UBIverse, attraverso un’accattivante dinamica di gioco, i partecipanti vivono un’avventura lavorativa ambientata nel futuro, in un mondo in cui la tecnologia è importante ma il fattore umano continua a fare la differenza.Superando le diverse fasi di gioco proposte dall’APP, è possibile in particolare approfondire il valore delle cosiddette “competenze trasversali”, oggi sempre più importanti, e ricevere consigli utili ad affrontare al meglio il proprio ingresso nel mondo del lavoro. Da un anno circa, Ubi Banca utilizza modalità di gaming anche per accompagnare le attività di onboarding rivolte ai neoassunti nel loro primo anno di inserimento.

Il gioco è strutturato per condurre il partecipante al superamento di diverse prove, funzionali alla esplorazione di molteplici tipi di competenze e a fornire, di conseguenza, consigli utili a riconoscere i propri orientamenti professionali, oltre che a sostenere il colloquio di lavoro in modo più consapevole. Il gioco orientativo è strutturato in tre fasi. La prima ruota sull’importanza delle competenze relazionali: lo scopo è quello di creare un team eterogeneo capace di valorizzare le abilità e i punti di forza di tutti. La seconda fase punta alla dimensione cognitivo-gestionale: prevede una serie di enigmi logico-matematici e domande sull’attualità, la tecnologia e l’evoluzione del mondo bancario, al fine di testare le capacità logico-analitiche del partecipante. La terza fase, che dà maggiore spazio all’aspetto ludico, testa la prontezza del giocatore: l’obiettivo è arrivare ad aprire un caveau, metafora evocativa, seguendo prove caratterizzate da livelli di difficoltà crescenti. Al termine del percorso, il giocatore avrà di fatto realizzato un curriculum vitae virtuale elaborato sulla base degli obiettivi raggiunti e avrà inoltre la possibilità di candidarsi direttamente su LinkedIn per le posizioni lavorative aperte in Ubi Banca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *